Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/204: TERZO "RITORNO" PER TIGER WOODS

Al Genesis Open non passa il taglio, vince Bubba Watson


TREVISO - È il terzo riscontro alla ripresa di Tiger Woods, forse il decisivo, dopo la lunga assenza seguita ai due interventi chirurgici. Il Genesis Open, torneo del PGA Tour, si disputa sul percorso del Riviera CC, a Pacific Palisades in California. Lo ha combattuto undici volte senza mai...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/203: GARY WOODLAND È IL RE DEL PHOENIX OPEN

Vittoria allo spareggio, tra invasioni di campo e commoventi dediche


SCOTTSDALE (ARIZONA - USA) - dall’1 al 4 febbraio. È sul percorso del TPC, la sfida Waste Management Phoenix, l’Open supportato dalla Gestione dei Rifiuti, che, strano a dirsi, nell'economia dell'Arizona vale 389 milioni di dollari. Il montepremi è di 6.900.000 dollari,...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/202: AL FARMERS INSURANCE È IL GIORNO DI JASON DAY

Nel torneo al Torrey Pines si rivede anche il vero Tiger Woods


In California, nei due percorsi del Golf Torrey Pines, entrambi Par 72, si è giocato dal 25 al 28 gennaio, l’Open sostenuto dalla potente “Assicurazione Agricoltori” americana, con montepremi di 6.900.000 dollari, 1.200.000 dei quali, destinati al vincitore. Il Torrey...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L’iniziativa è patrocinata e ospitata dal portavoce del M5S in Europa David Borrelli

IL VENETO E LA GRANDE GUERRA AL PARLAMENTO EUROPEO

L'inaugurazione della mostra il 27 maggio a Bruxelles


TREVISO, BRUXELLES – “Ho fortemente voluto questa mostra. Propone un argomento importante soprattutto per il legame che esprime con la Regione Veneto “ afferma David Borrelli “mette in luce i salvataggi delle opere d’arte da parte del Corpo degli Alpini durante la Prima Guerra Mondiale. E’ un’esposizione che dà visibilità al Veneto, una terra che ha vissuto con grande dignità gli orrori della Grande Guerra, recententemente chiamata anche ‘il suicidio d’Europa’. Si tratta di un’anteprima di un’esposizione che sarà organizzata a Brera dalla Soprintendeza e dall’ ISTRID. Sono fiero di patrocinare e ospitare questa esposizione e inviterò gli esponenti del territorio a partecipare all’iniaugurazione del 27 maggio alle ore 12.00. Mi permetto di ricordare che l’ultima linea difensiva si attestò su Grappa-Montello-Piave, qui l’avanzata nemica si arrestò. E da qui ripartì il contrattacco che portò alla battaglia di Vittorio Veneto.”
La Prima Guerra Mondiale è stata uno dei conflitti più sanguinosi dell’umanità. Si stima che persero la vita circa 650mila italiani e, considerando tutti i popoli coinvolti si pensa che morirono circa 9.722.000 soldati con oltre 21 miloni di feriti. L’immensa perdita di vite umane provocò un contraccolpo sociale, e i superstiti formarono quella che fu chiamata ‘la generazione perduta’. I civili non furono risparmiati : circa 950mila morirono a causa delle operazioni militari e altri 5.893.000 perirono per carestie, malattie, epidemie e persecuzioni razziali.
“Se i numeri di vittime tratti dai libri di storia sono attendibili “ conclude Borrelli “allora il ricordo è profondamente significativo ed eloquente. Invita a riflettere sui drammi del passato con l’auspicio che la terribile violenza non si ripeta mai più.”