Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Giudicato colpevole di favoreggiamento della prostituzione un 25enne di Villorba

ACCOMPAGNAVA UNA LUCCIOLA A LAVORO: CONDANNATO A 16 MESI

Il giovane venne arrestato in flagranza di reato nel giugno del 2011


VILLORBA – (gp) Un anno e quattro mesi di reclusione, pena sospesa, per favoreggiamento della prostituzione. Questa la condanna inflitta dal giudice Marco Biagetti a un 25enne di Villorba finito nei guai con la giustizia per aver accompagnato sul luogo di lavoro una giovane lucciola ungherese. In realtà, da quanto emerso nel corso del procedimento penale, il giovane avrebbe riportato a casa, dopo il turno di lavoro, la prostituta soltanto in poche occasioni. Circostanza dichiarata dalla stessa ungherese al momento dell'arresto del ragazzo, avvenuto nel giugno 2011. Nel corso di un incidente probatorio nel novembre dello stesso anno, la giovane aveva cambiato versione, sostenendo che per qualche mese il 25enne l'avrebbe non solo portata a casa, ma anche accompagnata a inizio turno. Dichiarazioni che di fatto hanno inchiodato l'imputato ma che la difesa, rappresentata dall'avvocato Francesco Biadene, contesta su tutta la linea giudicando inattendibile il racconto della donna. In attesa delle motivazioni della sentenza, il legale ha già annunciato che l'eventuale appello si baserà anche su questo punto.