Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Si parte entro aprile in centro e in alcune vie di Canizzano e Santa Bona

CONTRO FURTI E VANDALI, ECCO LE SENTINELLE DI QUARTIERE

Il Comune lancia il "Controllo di vicinato" con residenti e commercianti


TREVISO - Cittadini selezionati, in contatto diretto, da un lato, con altri abitanti della zona, dall'altro con la Polizia locale, per segnalare illeciti o situazioni a rischio. Contro furti, spaccio, vandalismi o semplicemente a tutela della sicurezza e del decoro urbano, l'amministrazione comunale è pronta a schierare le sue “sentinelle”: anche a Treviso è in partenza il progetto “Controllo del vicinato”. Tre le zone interessate nella prima fase sperimentale: il centro, nel quadrante tra Ponte San Martino, piazza Giustinian Recanati, via Fiumicelli e l'area dei giardini di Sant'Andrea e del supermercato Pam; e poi i quartieri di Canizzano, in particolare via Giovanna d'Arco, e Santa Bona. Per ogni area verranno individuati dei referenti: nel primo caso, esercenti del posto, in collaborazione con la Confcommercio e l'associazione Rivivere Treviso, nei due rioni alcuni residenti. Saranno loro a fare da tramite con gli altri cittadini e a avvertire in tempo reale, ad esempio attraverso strumenti di comunicazione come Whatsapp, di eventuali problemi o presenze sospette gli agenti della Municipale e le altre forze dell'ordine. Consentendo così un intervento tempestivo e, soprattutto, la prevenzione di reati, come spiega il vicesindaco con delega alla Sicurezza, Roberto Grigoletto.
Rispetto alle normali telefonate al centralino dei Vigili urbani da parte di comuni cittadini, questo sistema avrà dalla sua la rapidità e soprattutto l'affidabilità: “Si tratterà di segnalazioni qualificate – spiega Federica Franzoso, comandante della Polizia locale -, perchè i referenti, oltre ad una formazione apposita, possono contare sul fatto di vivere costantemente in quella zona e di avere alle spalle un tessuto sociale”.
Messo a punto dall'omonima associazione, nata nel Milanese, il sistema è già in funzione in alcuni quartieri di Lucca: “Non abbiamo ancora dati sulla riduzione dei reati – sottolinea assessore della città toscana -, ma di certo si nota un aumento della percezione di sicurezza da parte dei cittadini”.
Entro aprile, dovrebbe partire la sperimentazione nelle prime vie, segnalate anche da cartelli ad hoc. Sarà un meccanismo ben diverso dalle ronde spontenee, assicurano da Ca' Sugana, perchè inserito nell'ambito del patto per la sicurezza coordinato dalla Prefettura e con la collaborazione istituzionale di tutte le forze dell'ordine.

Galleria fotograficaGalleria fotografica