Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/227: JUSTIN THOMAS SENZA RIVALI AL BRIDGESTONE INVITATIONAL

Il terzo evento del circuito World Golf Championship


AKRON (USA) - È Francesco Molinari a godere il favore degli spettatori. Lo divide con il leader mondiale Dustin Johnson, che di WGC ne ha già conquistati cinque. Anche Tiger Woods, riemerso grazie alla bella prestazione nell’Open Championship, è atteso con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/226: UN BEL COMPLEANNO FESTEGGIATO SUL FAIRWAY

Torneo e party in onore di Luigino Conti, patron di Ca' della Nave


MARTELLAGO - Una Louisiana a due, per festeggiare il genetliaco di Luigino Conti, direttore del Club Cà della Nave, persona che sa farsi benvolere.Luigino, che ormai da tre anni ha assunto la dirigenza del Circolo trovando nel suo cammino un mare di difficoltà, è riuscito a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/225: CON L'ACI SI GIOCA NEL BOSCO DELLA SERENISSIMA

Al Golf Cansiglio il torneo promosso dall'Automobile Club


TAMBRE D'ALPAGO - L’Automobile Club d’Italia ha cura dei propri soci: al di là del suo compito d’istituto su tutto quanto è attinente all’automobile, mette a loro disposizione un Campionato italiano di Golf, che gira da aprile ad agosto, su 28 tra i...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Refrontolo, vinificati 40mila quintali di uve, l'export è il 39,5% del fatturato

ASTORIA VINI VOLA, +22% NEL 2014

Lo scorso anno si è chiuso con un bilancio di 39,3 milioni di euro


REFRONTOLO - Il 2014 è stato un anno decisamente positivo per Astoria Vini, che chiude con un bilancio di 39,3 milioni di euro, +22% rispetto all’anno precedente.  L’azienda guidata da Paolo e Giorgio Polegato, con sede a Refrontolo, si conferma quindi uno dei punti di riferimento mondiale per il mondo del Prosecco e degli spumante in generale. La cantina di Crevada, oggi a pieno regime, ha consentito di vinificare nel 2014 40 mila quintali di uve, confermando Astoria come il maggiore vinificatore privato dell’area del Prosecco DOCG.  Sono come sempre le bollicine a trainare la crescita, spumanti (+30%) e frizzanti (+10%) con oltre 6 milioni di bottiglie. Ottime prestazioni anche per i vini fermi: il Prosecco sta facendo da apripista a tanti vini meno conosciuti ma adatti ai consumatori più attenti.  L’export rappresenta il 39,5% del fatturato, pari a 15,5 milioni di euro: Usa, Giappone, Svezia i paesi di riferimento.