Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Povegliano: il gup ha derubricato il reato in lesioni, minacce e ingiurie

NON FU TENTATO OMICIDIO: DALLA CIA CONDANNATO A 24 MESI

Disposta inoltre la revoca della patente e la confisca del veicolo



POVEGLIANO
– (gp) La posizione di Gianantonio Dalla Cia si era aggravata nel corso dell'udienza preliminare. L'agricoltore 54enne di Povegliano era finito davanti al giudice con l'accusa di duplice tentato omicidio, danneggiamento aggravato e resistenza a pubblico ufficiale per aver scagliato il proprio fuoristrada contro la vetrata del bar Cantina Espanola di Povegliano investendo e ferendo Elvis Hagori (10 giorni di prognosi), il fidanzato della titolare Valentina Bonan, e un passante.

Il gup Bruno Casciarri, accogliendo gran parte della tesi difensiva dell'avvocato Carlo Isidoro Colombo, ha derubricato l'accusa di tentato omicidio in lesioni, ingiurie e minacce aggravate condannando l'uomo a un anno e 4 mesi di reclusione. L'uomo doveva anche rispondere di resistenza a pubblico ufficiale per cui ha rimediato una condanna a due mesi di reclusione, e di guida in stato d'ebbrezza per cui è stato condanato a dieci mesi di reclusione e 6 mila euro di ammenda, a cui si aggiungono la confisca del veicolo e la revoca della patente di guida. Gianantonio Dalla Cia è stato inoltre assolto dalla seconda accusa di tentato omicidio nei confronti del passante e il giudice ha infine revocato la misura di custodia cautelare: dopo tre mesi di carcere, il 54enne era infatti agli arresti domiciliari.

Il pm Laura Reale, titolare del fascicolo, aveva chiesto invece una condanna complessiva a otto anni di galera. Stando a quanto ricostruito dalla Procura di Treviso, il 54enne stava bevendo qualche bicchiere proprio con la parte offesa fino a che, complici l'alcol e forse il caldo, tra loro era nato un diverbio pare per alcune frasi razziste rivolte da Dalla Cia a un gruppo di albanesi che qualche sera prima gli avevano lasciato il conto da pagare. Prima sarebbe volato un pugno che ha fatto cadere Elvis a terra, poi sarebbe uscito dal locale prendendosela con l'auto del giovane. Dopo averla speronata con la sua Freelander, Dalla Cia avrebbe cercato di investirlo travolgendo anche i tavolini del bar.

Ma non basta: poi avrebbe lanciato il suo fuoristrada contro la vetrata del locale sfondandola e investendo sia Elvis che un altro avventore. Un pomeriggio di follia che soltanto il sindaco Rino Manzan, chiamato dalla vicina biblioteca, riuscì a calmare facendo ragionare il 54enne fino all'arrivo dei carabinieri. Anche i militari sarebbero stati presi di mira dal 54enne il quale, resistendo all'arresto, avrebbe procurato loro ferite giudicate guaribili rispettivamente in 15 e 3 giorni di prognosi.