Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il presidente Zugno: "Risultati ottimi, premiato chi ci ha dato fiducia"

ASCOPIAVE DISTRIBUISCE DIVIDENDO RECORD: 15 CENT PER AZIONE

Il gruppo chiude il 2014 ricavi ed utile in lieve flessione


PIEVE  DI SOLIGO - Ascopiave continua a crescere e distribuisce un dividendo record: 15 centesimi per azione, in aumento del 25% rispetto al 2013 (12 centesimi). Il gruppo di Pieve di Soligo, leader nella distribuzione e nella vendita di gas ed energia elettrica, chiude il 2014 con ricavi consolidati a 585,3 milioni di euro, rispetto ai 667,8 milioni registrati nell’esercizio precedente (meno 12,4%). La flessione, spiegano dalla società stessa, è stata determinata in prevalenza dalla riduzione del fatturato da vendite di gas (in calo di 116,5 milioni), a sua volta dovuta sia al calo dei consumi, sia alla discesa dei prezzi unitari di vendita, per la revisione delle condizioni economiche applicate al mercato tutelato disposta dall’Autorità per l’Energia. In contrazione anche il margine operativo lordo, passato dagli 86,3 milioni del 2013 agli attuali 79,6 milioni, e l'utile netto consolidato, a quota 37,3 milioni contro i 41 delll'anno prima. Il colosso trevigiano, durante l'anno passato, ha realizzato investimenti per 21,1 milioni, mentre la posizione finanziaria netta si è attestata a 129,7 milioni, quasi sei in più del bilancio precedente, con un rapporto debito/patrimonio netto pari a 0,32 e quello debito/Ebitda pari a 1,63, entrambi tra i migliori del settore.
Il bilancio è stato approvato dal consiglio di amministrazione del gruppo. Il presidente Fulvio Zugno commenta: "I risultati con cui abbiamo traguardato l’esercizio 2014 sono, senza ombra di dubbio, ottimi. Nonostante il perdurare della complessità del contesto generale di mercato, la società ha conseguito livelli di redditività prossimi a quelli, record, raggiunti nel 2013. In virtù di questo ennesimo successo, il consiglio di amministrazione ha deciso di premiare gli azionisti che hanno dato fiducia ad Ascopiave in questo esercizio che pareva essere di minor favore per il gruppo, oltre che per l’intero settore del gas. Il dividendo di 0,15 euro per azione che proponiamo all’assemblea si compone idealmente di due parti: la prima è una conferma del dato medio degli ultimi anni, che già vedeva il dividendo Ascopiave collocarsi tra i più elevati del settore; la seconda parte si configura come un ulteriore premio per gli azionisti, ponendosi così al massimo livello nella storia di Ascopiave. Lo slittamento degli ingenti investimenti legati alle gare d’ambito ci consente di erogare la quasi totalità dell’utile maturato, senza intaccare minimamente la nostra capacità di sviluppo per gli anni a venire".