Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Era accusato di aver minacciato la vittima facendosi consegnare 12 mila euro

NON FU UNA TENTATA ESTORSIONE: ASSOLTO 44ENNE DI SERNAGLIA

Fu lo stesso denunciante ad ammettere di avere un debito di 2500 euro


MONTEBELLUNA – (gp) Assolto con formula piena perché il fatto non sussiste. Non poteva andare meglio a un 44enne nato a Torino ma residente a Sernaglia della Battaglia, finito sotto accusa per rispondere del reato di tentata estorsione. Una vicenda nata a luglio del 2011 e protrattasi, secondo l'accusa, fino al settembre dello stesso anno quando la presunta parte offesa denunciò i fatti alle forze dell'ordine.

La vittima sosteneva che l'uomo, in concorso con un'altra persona risultata peraltro già estranea alle condotte contestate, l'avrebbe costretto a consegnargli 12 mila euro a fronte di un debito pregresso di 2500. Secondo l'accusa il 44enne avrebbe minacciato ripetutamente la vittima e la moglie attraverso insistenti telefonate dal tono non proprio amichevole: “Paga altrimenti ti faccio togliere la pensione e rovino la vita a te e ai tuoi figli”, oppure “considerato che si diverte a prendere in giro la gente, verremo noi a casa sua a prenderci i soldi”, o ancora “Devi pagare con le buone o con le cattive”.

Il processo ha alla fine stabilito che l'imputato, difeso dall'avvocato Rossella Martin, non si è reso responsabile di nessuna delle condotte contestate, uscendo pulito da un procedimento penale che in caso di condanna rischiava di costargli caro.