Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Due anni di reclusione inflitti ad Antonio josč Cruz, argentino di 35 anni

COLPITO DAL TRANS COI TACCHI A SPILLO: SECONDA CONDANNA

Il complice, un peruviano, aveva patteggiato la stessa pena


SPRESIANO – (gp) Due anni di reclusione per aver rapinato un trans lungo la Pontebbana a Spresiano. Questa la condanna inflitta al 35enne argentino Antonio Josè Cruz, difeso d'ufficio in aula dall'avvocato Omar Meneghello.

I fatti risalgono al 17 aprile 2011 quando Cruz e Pedro Vincent Durand Gutarra, 35enne peruviano che per gli stessi fatti ha già patteggiato due anni di carcere, avrebbero rapinato un altro straniero, di origine slava, con l’aiuto di altri due complici rimasti senza volto e nome. Una rapina, da quanto emerso dalle indagini, maturata negli ambienti della prostituzione transessuale da strada.

I due trans e i complici, secondo l’accusa, si sarebbero avvicinati alla vittima e Durand Gutarra, usando il tacco a spillo di una scarpa, l’avrebbe ripetutamente colpito alla testa e in altre parti del corpo fino a farlo cadere a terra. A quel punto i due imputati avrebbero infierito sulla vittima prendendola a calci fino a fargli perdere conoscenza. infine avrebbero afferrato la borsetta della vittima nella quale c’erano i soldi incassati nella nottata, appena 70 euro, dandosi alla fuga.

Il mattino seguente, quando la vittima era andata dai carabinieri a sporgere denuncia, aveva riconosciuto in alcune foto due dei quattro aggressori, facendoli finire a processo.