Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Due anni di reclusione inflitti ad Antonio josč Cruz, argentino di 35 anni

COLPITO DAL TRANS COI TACCHI A SPILLO: SECONDA CONDANNA

Il complice, un peruviano, aveva patteggiato la stessa pena


SPRESIANO – (gp) Due anni di reclusione per aver rapinato un trans lungo la Pontebbana a Spresiano. Questa la condanna inflitta al 35enne argentino Antonio Josè Cruz, difeso d'ufficio in aula dall'avvocato Omar Meneghello.

I fatti risalgono al 17 aprile 2011 quando Cruz e Pedro Vincent Durand Gutarra, 35enne peruviano che per gli stessi fatti ha già patteggiato due anni di carcere, avrebbero rapinato un altro straniero, di origine slava, con l’aiuto di altri due complici rimasti senza volto e nome. Una rapina, da quanto emerso dalle indagini, maturata negli ambienti della prostituzione transessuale da strada.

I due trans e i complici, secondo l’accusa, si sarebbero avvicinati alla vittima e Durand Gutarra, usando il tacco a spillo di una scarpa, l’avrebbe ripetutamente colpito alla testa e in altre parti del corpo fino a farlo cadere a terra. A quel punto i due imputati avrebbero infierito sulla vittima prendendola a calci fino a fargli perdere conoscenza. infine avrebbero afferrato la borsetta della vittima nella quale c’erano i soldi incassati nella nottata, appena 70 euro, dandosi alla fuga.

Il mattino seguente, quando la vittima era andata dai carabinieri a sporgere denuncia, aveva riconosciuto in alcune foto due dei quattro aggressori, facendoli finire a processo.