Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Affidata a un ingegnere di Ca' Foscari una borsa di studio per sviluppare l'obiettivo

PROGETTO "OPEN DATA": IL COMUNE SI TUFFA NELL'ERA DEL DIGITALE

L'ass. Cabino: "Creeremo un portale comunale con strumenti integrati"


TREVISO - Il Comune di Treviso apre i suoi dati e per farlo affida un progetto di ricerca a uno studente borsista dell'Università di Venezia Ca' Foscari. Il progetto che prende il nome di “Open Data” ha come obiettivo la condivisione e la messa a disposizione dei dati utili alla cittadinanza, alle imprese e a quanti più soggetti interessati a conoscere il ricco patrimonio di informazioni contenuto negli archivi comunali.
“Partiamo dal presupposto che con la modifica dell'articolo 52 del codice dell'amministrazione digitale l'Italia si è dotata di una normativa all'avanguardia sulle modalità di gestione e accesso ai dati pubblici. Questo progetto di collaborazione tra l'Università e il Comune vuole dare avvio ad un processo di apertura dei dati di interesse pubblico detenuti dall'amministrazione, seguendo le recenti linee guida pubblicate dal'Agenzia per l'Italia Digitale”, dichiara l'assessore ai servizi informatici Anna Caterina Cabino.
Il concetto di open data si richiama alla più amplia disciplina dell'open governement, una dottrina in base alla quale la pubblica amministrazione si apre ai cittadini, tanto in termini di trasparenza quanto di partecipazione diretta al processo decisionale, anche attraverso le nuove tecnologie dell'informazione e della comunicazione.
Ma quali sono i dati utili alla cittadinanza che l'amministrazione renderà visibili a tutti? E quale sarà l'obiettivo della ricerca?
“Si va dai dati anagrafici della popolazione residente, a quelli puntuali relativi all'occupazione degli stalli per la sosta, i flussi veicolari, l'utilizzo del servizio di bike sharing – sottolinea l’assessore - L'obiettivo finale sarà la creazione di un portale comunale per la pubblicazione dei dati aperti con strumenti integrati di analisi”.
Ad aggiudicarsi la borsa di studio per lo svolgimento della ricerca è stato l'Ing. Andrea Casini dell'Università Ca' Foscari di Venezia. Casini per 10 mesi, a partire dalla metà di marzo, seguirà il processo di apertura dei dati, obiettivo che dovrà essere raggiunto in modo progressivo anche attraverso la valutazione delle 'best practises' adottate a livello nazionale ed internazionale, l'individuazione degli ambiti in cui i risultati ottenuti possono risultare di supporto ai processi monitoraggio del governo del territorio.