Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il mister richiamato dal Treviso si confessa a Buongiorno Veneto Uno

TENTONI-2, LA RIVINCITA: "SONO TORNATO PER TOTERA E LA PIAZZA"

"Questa squadra è da ricostruire dal punto di vista psicologico


TREVISO - Davide Tentoni, il mister che il Treviso ha richiamato in panchina per sostituire Gianluca Rorato, si è confessato a Buongiorno Veneto Uno. "Sul mio ritorno c'erano stati dei presupposti qualche tempo fa, inutile negarlo, ma si sono verificate delle dinamiche che non l‘hanno permesso. La tempistica è limitata, mancano cinque partite e sinceramente mi sarebbe piaciuto essere tornato già da qualche settimana."
Tentoni, poteva rifiutare? "No, per due motivi. Deontologico: è giusto che un allenatore professionista risponda alla chiamata di un club e di un presidente, Marcello Totera, che con me ha sempre dimostrato grande correttezza. L’altra motivazione è affettiva. Questa è una piazza a cui sono legato da tre anni e con la quale ho ottenuto anche una promozione."
Cosa le ha chiesto la società, quali gli obiettivi da qui alla fine? "La cosa che più mi preme è capire che aria tira nello spogliatoio. Ai ragazzi chiederò un grandissimo senso di responsabilità e dignità, nel calcio come nella vita ci possono essere momenti negativi, ma bisogna dimostrare soprattutto a se stessi che c’è la volontà di una reazione. Il mio lavoro sarà ridare al Treviso una vitalità mentale e riuscire a riprendere in breve un discorso tecnico-tattico: una sfida che sarà vissuta giorno dopo giorno. Quando la scorsa estate fui riconfermato chiesi qual era l’obiettivo, risposero un torneo dignitoso, possibilmente di vertice, in una società che doveva consolidarsi e crescere. Vincere il campionato no, per quello ci vogliono tempo e risorse. Avevo chiesto la conferma di Mensah e Gnago: niente da fare, questioni economiche e burocratiche che poi però altri hanno risolto. E la squadra tutto sommato non l’avevo costruita io, ciò nonostante non mi sono mai lamentato: me ne sono andato in zona playoff ed una semifinale di Coppa Italia da giocare. E’ evidente che qualche dirigente ha avuto la presunzione di credere che la squadra potesse dare di più ed io sono diventato il capo espiatorio. Sono stato accusato di troppa professionalità, e qui mi viene da ridere, e di essere aziendalista: la strategia era quella di far giocare tutti ed al mercato invernale operare la scrematura, perché una rosa troppo ampia non va bene. Mi dispiace che nessuno abbia avuto il coraggio di fare il mea culpa, un allenatore è forte quando ha una dirigenza forte alle spalle. Ma rivangare il passato non serve, ora chiedo di poter lavorare, assieme al mio staff, con fiducia e trasparenza, qui c’è un Treviso da ricostruire psicologicamente, una squadra con delle buone qualità, che tuttavia sono state ancora inespresse."