Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Risolto il giallo delle ostie: "Le abbiamo gettate via subito dopo il colpo"

FURTO SACRILEGO A ODERZO: I DUE RAGAZZI PATTEGGIANO 14 MESI

A ottobre avevano rubato all'interno della chiesa di San Vincenzo



ODERZO
– (gp) Erano stati arrestati per aver rubato all'interno della chiesa di San Vincenzo a Oderzo. Poi erano stati scarcerati in attesa di giudizio e sottoposti all'obbligo di dimora. Raggiunto un accordo con la Procura di Treviso, i due ragazzi marocchini di 18 e 20 anni responsabili del furto sacrilego, avvenuto nella notte tra il 14 e il 15 ottobre scorso, hanno patteggiato un anno e due mesi ciascuno, non ottenendo la sospensione condizionale della pena.

I due, quando erano tornati in carcere, avevano anche risolto il “caso delle ostie”. Il Vescovo di Vittorio Veneto, monsignor Corrado Pizziolo, in visita pastorale a Oderzo proprio nei giorni del fatto, aveva celebrato assieme a don Angelo Pavan, parroco di San Vincenzo, una Messa di riparazione per consacrare l'Eucarestia e riporla nuovamente nel tabernacolo. Se da un lato la refurtiva era stata recuperata (una pisside in argento placcata oro, una teca e oggetti sacri per un valore di 2 mila euro), dall'altro era rimasto il dubbio che quelle ostie consacrate fossero state rubate per celebrare magari qualche rito che di cristiano avrebbe avuto ben poco.

Più volte ne era stata chiesta la restituzione, o almeno qualche informazione su dove potessero essere. Informazione che è arrivata: “Le abbiamo gettate via subito dopo il furto” avevano detto i ragazzi. In pratica non c'era più nessuna speranza di poter recuperare quelle particole. Oltre a quello sacrilego, i due dovevano rispondere anche del furto di alcuni abiti (tre felpe e un giubbotto del valore di 75 euro) che risultavano rubati in un negozio di Conegliano a gestione cinese.