Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Rinviati a giudizio un 50enne di Cremona e una 38enne russa di Caerano San Marco

TENTANO DI CORROMPERE IL RETTORE: FIDANZATI A PROCESSO

Busta con mille euro fingendosi nipote dell'ex ministro Passera


PADOVA – (gp) Rinviati a giudizio per induzione alla corruzione. E' la decisione presa dal gup del tribunale di Padova nei confronti di un uomo di 50 anni di Cremona e della sua fidanzata, una 38enne nata in Russia ma residente a Caerano San Marco.

Secondo l'accusa il 50enne di Casalmaggiore, per far entrare la fidanzata al corso di laurea triennale per professioni sanitarie nell'anno accademico 2013/2014, avrebbe infatti scritto al rettore dell'ateneo padovano, Giuseppe Zaccaria, fingendosi parente dell'ex ministro Corrado Passera e chiedendo per questo un trattamento di favore. Nella busta, oltre alla lettera spedita al magnifico rettore, l'uomo aveva inserito due biglietti da 500 euro. Secondo il pm Maria Ignazia D'Arpa, titolare delle indagini, sarebbe la prova che il 50enne volesse corrompere il rettore del Bo.

L'ateneo padovano, ricevuta la missiva, ha immediatamente denunciato il fatto alle autorità facendo scattare l'inchiesta della Procura di Padova: ora i due fidanzati, difesi d'ufficio dagli avvocati Paola Miotti e Alessandro Zanotto, dovranno affrontare il processo.