Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Rinviati a giudizio un 50enne di Cremona e una 38enne russa di Caerano San Marco

TENTANO DI CORROMPERE IL RETTORE: FIDANZATI A PROCESSO

Busta con mille euro fingendosi nipote dell'ex ministro Passera


PADOVA – (gp) Rinviati a giudizio per induzione alla corruzione. E' la decisione presa dal gup del tribunale di Padova nei confronti di un uomo di 50 anni di Cremona e della sua fidanzata, una 38enne nata in Russia ma residente a Caerano San Marco.

Secondo l'accusa il 50enne di Casalmaggiore, per far entrare la fidanzata al corso di laurea triennale per professioni sanitarie nell'anno accademico 2013/2014, avrebbe infatti scritto al rettore dell'ateneo padovano, Giuseppe Zaccaria, fingendosi parente dell'ex ministro Corrado Passera e chiedendo per questo un trattamento di favore. Nella busta, oltre alla lettera spedita al magnifico rettore, l'uomo aveva inserito due biglietti da 500 euro. Secondo il pm Maria Ignazia D'Arpa, titolare delle indagini, sarebbe la prova che il 50enne volesse corrompere il rettore del Bo.

L'ateneo padovano, ricevuta la missiva, ha immediatamente denunciato il fatto alle autorità facendo scattare l'inchiesta della Procura di Padova: ora i due fidanzati, difesi d'ufficio dagli avvocati Paola Miotti e Alessandro Zanotto, dovranno affrontare il processo.