Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Rinviati a giudizio un 50enne di Cremona e una 38enne russa di Caerano San Marco

TENTANO DI CORROMPERE IL RETTORE: FIDANZATI A PROCESSO

Busta con mille euro fingendosi nipote dell'ex ministro Passera


PADOVA – (gp) Rinviati a giudizio per induzione alla corruzione. E' la decisione presa dal gup del tribunale di Padova nei confronti di un uomo di 50 anni di Cremona e della sua fidanzata, una 38enne nata in Russia ma residente a Caerano San Marco.

Secondo l'accusa il 50enne di Casalmaggiore, per far entrare la fidanzata al corso di laurea triennale per professioni sanitarie nell'anno accademico 2013/2014, avrebbe infatti scritto al rettore dell'ateneo padovano, Giuseppe Zaccaria, fingendosi parente dell'ex ministro Corrado Passera e chiedendo per questo un trattamento di favore. Nella busta, oltre alla lettera spedita al magnifico rettore, l'uomo aveva inserito due biglietti da 500 euro. Secondo il pm Maria Ignazia D'Arpa, titolare delle indagini, sarebbe la prova che il 50enne volesse corrompere il rettore del Bo.

L'ateneo padovano, ricevuta la missiva, ha immediatamente denunciato il fatto alle autorità facendo scattare l'inchiesta della Procura di Padova: ora i due fidanzati, difesi d'ufficio dagli avvocati Paola Miotti e Alessandro Zanotto, dovranno affrontare il processo.