Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/227: JUSTIN THOMAS SENZA RIVALI AL BRIDGESTONE INVITATIONAL

Il terzo evento del circuito World Golf Championship


AKRON (USA) - È Francesco Molinari a godere il favore degli spettatori. Lo divide con il leader mondiale Dustin Johnson, che di WGC ne ha già conquistati cinque. Anche Tiger Woods, riemerso grazie alla bella prestazione nell’Open Championship, è atteso con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/226: UN BEL COMPLEANNO FESTEGGIATO SUL FAIRWAY

Torneo e party in onore di Luigino Conti, patron di Ca' della Nave


MARTELLAGO - Una Louisiana a due, per festeggiare il genetliaco di Luigino Conti, direttore del Club Cà della Nave, persona che sa farsi benvolere.Luigino, che ormai da tre anni ha assunto la dirigenza del Circolo trovando nel suo cammino un mare di difficoltà, è riuscito a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/225: CON L'ACI SI GIOCA NEL BOSCO DELLA SERENISSIMA

Al Golf Cansiglio il torneo promosso dall'Automobile Club


TAMBRE D'ALPAGO - L’Automobile Club d’Italia ha cura dei propri soci: al di là del suo compito d’istituto su tutto quanto è attinente all’automobile, mette a loro disposizione un Campionato italiano di Golf, che gira da aprile ad agosto, su 28 tra i...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO: Il vicesindaco Grigoletto afferma che è stata sporta denuncia contro ignoti

GUASTI ALLE TELECAMERE: "MINATA LA SICUREZZA DEI CITTADINI"

Nel mirino la fuga di notizie: "E' come dare il via libera ai ladri"


TREVISO – Il concetto è chiaro: rendere pubblico un guasto o un malfunzionamento delle telecamere di videosorveglianza installate a Treviso, sottolineando pure le zone interessate, non solo significa dare il via libera ai malviventi di agire ma, se le comunicazioni sono riservate e dunque interne agli uffici comunali, si potrebbe pure profilare un reato penale sia per chi le rende pubbliche che per chi le divulga.

Motivo per cui il Comune di Treviso ha depositato una denuncia a carico di ignoti (demandando alla magistratura il compito di indagare sui fatti e nel caso perseguire chi ha commesso degli illeciti) perchè, proprio per la divulgazione di queste notizie, è stata messa a repentaglio la sicurezza dei cittadini. Almeno questo è quanto sostenuto da Ca' Sugana, che ha deciso di sporgere denuncia. Spetterà agli inquirenti stabilire la gravità di quanto accaduto ma soprattutto il rilievo dal punto di vista penale.

E nel caso venissero ravvisati degli illeciti, ad andarci di mezzo potrebbero essere più persone, compresi non solo i consiglieri di minoranza Sandro Zampese e Giuseppe Basso che hanno sparato a zero contro il comune, ma anche i responsabili degli uffici che hanno “passato” la notizia riservata e, in ultima battuta, chi si è assunto l'onere di divulgarla. Nel frattempo il Ca' Sugana ha già ricevuto l'ok da parte della B! Spa, la ditta che ha vinto l'appalto negli anni scorsi per l'installazione degli occhi elettronici, per un monitoraggio delle telecamere a titolo gratuito e la disponibilità a riparare i guasti.

Il vicesindaco Roberto Grigoletto ha inoltre puntato il dito contro la minoranza in consiglio comunale che sta facendo campagna elettorale sul tema della sicurezza non preoccupandosi però delle conseguenze delle affermazioni che vengono fatte. Nel merito Grigoletto ha ricordato come i guasti alle telecamere di videosorveglianza, purtroppo, sono accaduti anche in passato e sono costati al comune dell'allora sindaco Gobbo oltre 30 mila euro di spese di riparazione. Grigoletto sottolinea inoltre che, in piena campagna elettorale nel 2013, anche l'attuale sindaco Manildo ha subito la visita dei ladri ma ha evitato di rendere pubblico che proprio le telecamere della via in cui abita erano guaste da tempo.


Galleria fotograficaGalleria fotografica