Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Alla sbarra un dj 34enne accusato di tentata violenza sessuale su una 24enne

NESSUNA RELAZIONE CLANDESTINA E NESSUN RIVALE: ASSOLTO

Il fidanzato di lei a processo per lesioni: non luogo a procedere



TREVISO
– (gp) Lo aveva detto fin dall'inizio: non c'era nessuna relazione clandestina e nessun rivale in amore. Al termine del processo, anche i giudici del Tribunale di Treviso hanno spostato la tesi difensiva degli avvocati Stefano Tigani e Piero Coluccio assolvendo con formula piena il dj 34enne di Casier chiamato a rispondere del reato di tentata violenza sessuale.

La Corte, dopo che lo stesso dj aveva rimesso la querela nei confronti del fidanzato 26enne della presunta vittima, accusato di lesioni per averlo preso a martellate, ha derubricato il reato il eccesso colposo di legittima difesa e disposto il non luogo a procedere. Insomma il “triangolo” amoroso sfociato in violenza, com'era stato dipinto inizialmente, non era nulla di tutto ciò. In aula il 34enne aveva infatti smentito categoricamente ogni accusa circostanziando le linee del fatto contestato.

Secondo l'accusa infatti l'uomo avrebbe tentato di avere un rapporto sessuale con la presunta vittima, una 24enne trevigiana. Come aveva dichiarato il dj di fronte ai giudici, oltre a non aver mai tentato di estorcere alcun rapporto sessuale, quello tra lui e la persona offesa sarebbe stato da sempre un gioco di natura erotica in forza del quale entrambi si scambiavano foto e contenuti bollenti. In più aveva sottolineato di non aver mai minacciato nessuno e di avere mantenuto con lei un atteggiamento scherzoso com'era consueto tra di loro. Infine aveva anche riferito che al massimo l'unica sua leggerezza sarebbe stata quella di non aver capito che quel gioco era terminato.

I fatti insomma sarebbero stati mal interpretati dalla Procura (il pm aveva chiesto la condanna a un anno e due mesi per il dj, e a tre mesi per il fidanzato della presunta vittima) e nel frattempo chiariti tra i diretti interessati. La prova stava proprio nel fatto che le querele sporte reciprocamente erano state rimesse così come erano state ritirate le costituzioni di parte civile.

L'episodio incriminato risaliva al 16 gennaio 2013 quando la parte offesa e il dj si erano dati appuntamento nel parcheggio di fronte al Sant'Artemio. Lei si era presentata con il nuovo fidanzato il quale, vedendo il dj strattonare la ragazza, sarebbe intervenuto prendendo il 34enne a martellate e procurandogli lesioni giudicate guaribili in 8 giorni di prognosi.