Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'appuntamento venerdì 27 marzo nella sede di Catena di Villorba

L'ATTIVISTA PAKISTANA IRAM SAEED OSPITE DI FABRICA

Incontro con la giovane donna, vittima di un attacco d'acido


TREVISO - Venerdì 27 marzo, alle 17.30, Fabrica ospiterà l’attivista pakistana Iram Saeed e l’organizzazione no profit Smileagain fvg per un progetto artistico e un incontro aperto al pubblico in cui si parlerà di diritti umani e di difesa delle donne.

Iram Saeed è una giovane donna pakistana vittima di un attacco d’acido per aver rifiutato una proposta di matrimonio. Nel 1996 il pretendente respinto l’ha aggredita, causandole la perdita di un occhio e costringendola a sottoporsi a 25 operazioni. Iram ora studia e lavora all’università e si impegna come attivista. Fabrica è entrata in contatto con lei grazie a Smileagain, organizzazione no profit che aiuta donne vittime di attacchi d’acido nel doloroso percorso di cure e di reinserimento nel tessuto sociale locale.
Iram Saeed sarà ospite di Fabrica per alcuni giorni, durante i quali i creativi del centro di ricerca realizzeranno con la tecnica dell’acido un ritratto ispirato a lei e alla sua storia. Il ritratto sarà svelato al termine dell’incontro pubblico del 27 marzo.

L’incontro con Iram e un rappresentante di Smileagain prenderà le mosse dalla vicenda della giovane pakistana per affrontare l’argomento della violenza verso le donne, sottolineando come questo sia un tema drammaticamente globale. L’acido, dato anche il suo basso costo, è
facilmente reperibile ovunque e da chiunque. Spesso non procura la morte, ma lo sfregio permanente, il che nella mente criminale di chi lo usa può equivalere a una diabolica forma di vendetta per un orgoglio Il ritratto ispirato da Iram andrà ad arricchire il progetto artistico Facing, realizzato dall’area Social Engagement Campaigns di Fabrica sotto la direzione creativa di Erik Ravelo. Un'installazione composta da lastre di metallo, sulla quale sono dipinti dei volti di donne sfregiate dall'acido.
L'acido viene usato per corrodere le lastre, lasciando intatti i volti. Il messaggio è chiaro: l’acido serve non per distruggere, ma per creare bellezza. 

Fabrica è il centro di ricerca sulla comunicazione di Benetton Group, fondato nel 1994. Fabrica offre a un gruppo molto eterogeneo di giovani creativi da tutto il mondo una borsa di studio annuale per sviluppare progetti di ricerca nelle aree di design, grafica, fotografia, interaction, video, musica e giornalismo.

Il progetto “smileagain fvg” nasce intorno al 2003 con la creazione in Pakistan di una rete di contatti col mondo delle istituzioni e della società civile per assistere gruppi di donne vittime di attacchi con acido.
Prevede sia missioni di chirurghi plastici friulani in Pakistan, sia attività di formazione di personale medico e paramedico pakistano in strutture della Regione Friuli Venezia Giulia o con sistemi di telemedicina. Il lavoro di smileagain fvg è stato riconosciuto e premiato da numerosi enti e istituzioni, dalle massime autorità pakistane e dall’Unesco.

Ingresso libero fino a esaurimento posti
Incontro in italiano e inglese, con traduzione consecutiva

27 marzo 2015, 17:30
FABRICA INCONTRA IRAM SAEED, VITTIMA DELL’ACIDO
Via Postioma, 54/F
31020 Catena di Villorba, Treviso