Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il Procuratore Michele Dalla Costa risponde al grido d'allarme di Leonardo Muraro

"PERSONALE IN ESUBERO? DA NOI LE PORTE SONO PIÙ CHE APERTE"

Se Provincia e Regione sono in difficoltà, la Procura si fa avanti


TREVISO - (gp) “Se la Provincia non sa dove impiegare le persone in esubero, noi in Procura saremo ben contenti di accoglierle”. Più che una richiesta sembra un invito, nemmeno tanto implicito, quello del procuratore di Treviso Michele Dalla Costa che prende spunto dalle dichiarazioni di Leonardo Muraro per cercare di dare una svolta a un ufficio che per far fronte alle carenze di personale, oltre che di organico in generale, non aspetta altro che forze fresche per offrire un servizio migliore ai trevigiani.

Richieste che il procuratore ha dichiarato di aver già fatto alle Regione Veneto senza però ottenere alcuna risposta. A prescindere dalla totale assenza di direttori amministrativi (sono due i posti mancanti su due vacanti) e dal 40% di scopertura per quanto riguarda i funzionari (sono presenti 5 persone sulle 9 che previste), la Procura di Treviso avrebbe bisogno come l'aria di altri impiegati che il ministero non ha intenzione di prevedere ma che potrebbero provenire da altre realtà, come ad esempio quella della Provincia in procinto di chiudere i battenti.

“Anche due persone basterebbero per alleggerire i carichi di lavoro e garantire una migliore efficienza” ha dichiarato il Procuratore Dalla Costa, il quale ha anche lanciato una stoccata all'amministrazione Manildo. Se da un lato è vero che per oltre vent'anni il tribunale non è stato considerato da Gentilini e Gobbo, dall'altro il capo della Procura chiede che l'attuale sindaco intervenga sul tema degli spazi. La struttura di via Verdi, come da tempo denunciato, non è a norma di legge e non ha nemmeno la certificazione antincendio (che comunque arriverà entro l'anno).

I problemi sono tanti e per troppo tempo non sono stati risolti. Il presidente del tribunale, Aurelio Gatto, ha più volte evidenziato che finalmente qualcosa si sta muovendo (nel senso del rapporto con l'amministrazione comunale), ma per il Procuratore non basta. Gli errori commessi in passato ora stanno ricadendo sugli attuali “padroni” di Ca' Sugana e la macchina della Giustizia è pronta a battere cassa, “come previsto dalla legge” sottolinea Dalla Costa.