Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Tutti e sette i giostrai, di fronte al gip, si sono avvalsi della facoltà di non rispondere

LA BANDA DELLE SLOT SCEGLIE IL SILENZIO: RESTANO IN CARCERE

Una decina i colpi contestati: per il pm è associazione a delinquere


CONEGLIANO – (gp) La banda delle slot sceglie la via del silenzio. Di fronte al gip Umberto Donà sono sfilati uno dopo l'altro i sette giostrai finiti in manette al termine di un'operazione condotta dai carabinieri di Conegliano con il supporto dei Nuclei cinofili di Bologna e Torreglia, del 14° Nucleo Elicotteri e del 4° Battaglione Mobile di Mestre.

Tutti sono accusati di associazione per delinquere finalizzata ai furti e si sono avvalsi della facoltà di non rispondere. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, sarebbero due i “capi” della banda: il primo sarebbe Alan Cassol, 19enne residente a Fontanellette e figlio di Albano Cassol, il rapinatore ucciso lo scorso 3 febbraio a Ponte di Nanto, nel vicentino, dal benzinaio Graziano Stacchio. Il secondo invece Nicolls Garbin, 20 anni di Mareno di Piave. Lui, assieme al 23enne Michele Garbin, ha presentato richiesta di modifica della misura di custodia cautelare in carcere: il gip si è riservato la decisione che scioglierà nei prossimi giorni.

Rimangono di certo dietro le sbarre, oltre ad Alan Cassol, anche Matteo Zilli e Denis Maronese, entrambi ventenni di Mareno di Piave, Nicholas Floriani, 20 anni di Loria e Giacomo Zolini, 33 anni di Giavera del Montello. Il blitz dei militari era scattato all'alba di lunedì in una ventina di campi nomadi e abitazioni in tutta la provincia di Treviso.

L'indagine era partita nel gennaio scorso con i carabinieri di Conegliano che sono stati a lungo impegnati a seguire le tracce delle banda: spesso i banditi utilizzavano auto rubate, l'ultima lo scorso 3 marzo. Nel corso delle perquisizioni sono stati sequestrati alcuni sacchi di monete, sotterrati nel terreno a pochi passi dalle roulotte di un campo nomadi, ma anche pistole giocattolo e altra refurtiva tra cui tv e attrezzature per parrucchieri. Fondamentale è stata nell'indagine la visione delle telecamere di videosorveglianza di diversi locali, alcuni dei quali colpiti anche più volte dalla banda: i componenti della banda infatti effettuavano solitamente un sopralluogo, come normali clienti, prima di colpire.


Galleria fotograficaGalleria fotografica