Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sanzione comminata a un 37enne residente a Mira e a un 46enne di Porto Tolle

INTESTATARI FITTIZI DI VEICOLI: MAXI MULTA DA 21 MILA EURO

Indagini della Polizia dopo un furto in un'area di sosta lungo la A27


TREVISO – (gp) Una maxi multa da 21 mila euro e la cancellazione dal PRA dei 40 veicoli di cui risultavano intestatari. E' questa la sanzione comminata dagli uomini della Polizia Autostradale nei confronti di un 46enne di Porto Tolle e di un 37enne di Mira. Stando a quanto ricostruito dagli inquirenti, i due risultavano possessori di 40 mezzi (auto e furgoni) che però venivano utilizzati da altre persone per mettere a segno, pare, furti e razzie in tutta la provincia di Treviso.

La Polizia autostradale è giunta a loro al termine delle indagini partite dalla denuncia di un furto, avvenuto a gennaio, su un'autovettura parcheggiata davanti al bar dell'aera di servizio Piave Ovest dell'A27. Ignoti avevano rotto il finestrino di una Toyota Land Cruiser appartenente a un orafo rubando vari documenti inerenti l’attività lavorativa, comprese autorizzazioni, un I-Pad, diversi capi d'abbigliamento e due borse.

Due testimoni avevano detto di aver visto agire due persone di corporatura robusta, travisate da sciarpa e cappello, che erano poi scappate a bordo di una Ford Mondeo grigia, fornendo anche parte della targa. In più avevano riferito di aver notato un furgoncino, probabilmente un Fiat Fiorino bianco, fermo sulla corsia d’emergenza davanti all’area di servizio. L’orafo, nello sporgere denuncia, aveva dichiarato di essere partito dalla Fiera di Pordenone, dove aveva esposto alcuni gioielli il giorno precedente. Circostanza confermata dalle immagini esterne della zona fieristica.

I poliziotti hanno poi accertato che l'auto dell'orafo era stata seguita a breve distanza, lungo l’autostrada A28, da altri tre veicoli: una Ford Mondeo grigia, una Daewoo Tacuma blu e un Fiat Doblò bianco. Mezzi che risultavano appunto intestati ai due multati ma che erano in uso ai malviventi.