Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'intervento di Alberto Montagner, presidente dell'associazione culturale

RAIXE VENETE: NO MISTIFICAZIONI ALLA STORIA SUBITA DAI VENETI

Le polemiche dopo la proiezione del film “Il Leone di Vetro” a Schio


TREVISO - Dopo aver letto l'articolo apparso su “Il giornale di Vicenza in data 29 marzo 2015 sulla proiezione del film “Il Leone di Vetro” nella sala del patronato messa a disposizioni dai Salesiani di Schio, dove venivano riportate dagli articolisti le dichiarazioni rilasciate dall'Avv. Luisa Ferrandi, rappresentante del PD, e del consigliere Fogagnoli Roberto di Rifondazione Comunista, non possiamo quasi non provare compassione e comprensione per i due infelici in quanto, quando si viene a conoscenza della verità, e di una verità che fa male, lo scoramento e la delusione possono lasciare danni nell'animo, nel fisico e nella mente a volte irreparabili. Una verità poi, nascosta per un secolo e mezzo e talvolta mistificata grazie alla complicità dell'apparato scolastico, formativo ed educativo dello stato e dagli organi di informazione a tutti i livelli, con lo scopo di far passare un pensiero unico finalizzato , non alla creazione di menti libere in liberi pensatori, ma di una generazione di cittadini ubbidienti agli ordini calati dall'alto per trasformarli in pecore da tosare senza che possano emettere lamento alcuno. Ci rendiamo perfettamente conto che svegliarsi un giorno e prendere coscienza di essere parte, attiva in questo caso visto l'impegno politico dei due citati, di uno stato e di un paese che ha distrutto un patrimonio culturale e di esperienze del passato, utilissime anche ai giorni nostri e per il futuro, in nome di una falsa ed inconsistente italianità, è senz'altro un boccone amaro da buttar giù.
Non solo, ma citando brevissimi esempi storici e senza entrare nella politica quotidiana, l'italia è quel paese che poteva star fuori da tutte le guerre del ventesimo secolo per poi dichiararle, salvo a posteriori addomesticare la storiografia ufficiale per passare da vittima aggredita. E' quel paese che ha strumentalizzato due sconfitte mitizzandole come fossero vere e proprie vittorie, la ritirata di Russia ed El Alamein, con tutta la pietas dovuta a chi ci ha rimesso la vita in queste assurde ed evitabili sanguinose spedizioni.
Ma, forse l'italia è allenata a far dimenticare, mistificare e negare anche l'evidenza, ripeto lasciamo perdere un recente passato di stragi ed omicidi, ma ai due attivisti di sinistra ricorda niente Malga Porzus, la centrale del Predil ed in ordine di orrore crescente le Foibe ? Nemmeno nella guerra di liberazione, il più alto punto di nobiltà e riscatto di un popolo, avete saputo tenere indenne e immacolata la lotta per la libertà, lasciando ombre e dubbi sulla probità di chi ha avuto responsabilità in quel periodo.
Ed allora, se siete veramente democratici e paladini della libertà come vi definite, perchè temere l'uscita di un film verità ? Volete forse censurarlo, come qualcuno ha fatto prima di voi con i film “Bronte”, sui crimini dei garibaldini in Sicilia, con “Uomini contro” sulla prima guerra mondiale, con “Il leone del deserto” sull'occupazione della Libia da parte delle truppe di Graziani ?? Perché poi minacciare i Salesiani in modo poi non tanto velato, a parer quasi il ritorno ai metodi del mai dimenticato ventennio ? Nostalgia?
Nel rendermi disponibile al pubblico confronto, come dove e quando volete (impegni di lavoro permettendo perché mi devo guadagnare la pagnotta), concludo con un ormai vecchio adagio che fa parte del patrimonio morale dell'Associazione Culturale Veneto Nostro – Raixe Venete : “Perché la nostra cultura vi fa tanta paura”.

Alberto Montagner, presidente dell'associazione culturale Raixe Venete