Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Spesa di 170mila euro, lavori fino a maggio senza conseguenze per il traffico

SPOSTATI DALLE BOMBE DEL 1944, VIA AI LAVORI SUI SOSTEGNI DEL CAVALCAVIA

Gli appoggi della campata erano rimasti invisibili fino al 2013


TREVISO - L'annuncio è stato dato, non a caso, nel giorno dell'anniversario del bombardamento del 7 aprile 1944. Secondo i tecnici comunali, infatti, potrebbe essere stata, infatti, proprio l'onda d'urto delle esplosioni che 71 anni fa segnarono la storia di Treviso, ad aver spostato dal loro alloggiamento le estremità degli appoggi della campata del cavalcavia, sopra i binari della stazione ferroviaria.
Di certo, i supporti dell'infrastruttura, realizzati nel 1930 in ghisa, erano molto degradati: sono così iniziati i lavori per la loro sostituzione. I manufatti sono rimasti nascosti alla vista per decenni, fino al 2013, quando, in occasioni di alcuni lavori urgenti per fissare i rivestimenti, è stata aperta la cameretta murata che li ospitava. La verifica statica di tutto il ponte ha evidenziato il buono stato di conservazione della struttura, con l'unica eccezione, appunto, degli appoggi. Le operazioni di rifacimento terminerenno a maggio e la spesa complessiva prevista ammonta a circa 170mila euro.
“Commemoriamo una pagina molto triste della nostra città, una ferita profonda di cui, a distanza di tanti anni, Treviso porta ancora i segni – sottolinea l'assessore ai Lavori pubblici, Ofelio Michielan, riferendosi al bombardamento del 1944 -. Gli appoggi della campata del Cavalcavia ne sono un piccolo esempio”. L’intervento, assicurano da Ca' Sugana, verrà realizzato senza interruzioni del traffico e mira a garantire la sicurezza di uno snodo strategico, in termini di viabilità, per la città di Treviso. Seppure il ponte sia di proprietà del Comune, si è dovuto ottenere benestare tecnico delle Ferrovie dello Stato per evitare problemi alla circolazione ferroviaria.