Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

AUDIO E VIDEO Le fiamme avvolgono lo stabilimento, mistero sulle cause

SPAVENTOSO ROGO DEVASTA LA EX "CHIARI E FORTI" DI SILEA

Boato alle 19, al lavoro fino a tarda notte 18 squadre dei vigili del fuoco


SILEA - Un incendio di vaste proporzioni si è sviluppato nel tardo pomeriggio, poco dopo le 19, presso l'ex stabilimento dismesso della "Chiari e Forti" di Silea ed in particolare il Molino "Toso". Sono ancora sconosciute le cause del rogo che fortunatamente non ha provocato feriti. Al lavoro ci sono ben 18 squadre dei vigili del fuoco di tutta la provincia di Treviso più altre da Mestre che stanno tentando in queste ore di spegnere i focolai: le operazioni di spegnimento sono proseguite fino a tarda sera. Utilizzato anche un mezzo aeroportuale che consente una gittata d'acqua molto ampia. Sul posto sono giunti anche i carabinieri di Treviso. Le fiamme e la densa colonna di fumo nero erano ben visibili fin dalla tangenziale e dall'autostrada A27 con la circolazione che ha subito rallentamenti. Sembra che l'incendio, raccontano alcuni testimoni, sia stato preceduto da una violentissima esplosione: a bruciare, hanno spiegato i pompieri, è principalmente legno, materiale che costituisce la struttura portante dell'edificio. A causa delle fiamme e dell'intenso calore una porzione della struttura è crollata in tarda serata. Spunta intanto un retroscena in queste ore che getta un'ombra sinistra sull'incendio: pare che l'immobile dei primi '900 e rilevato dal gruppo Caltagirone nel 2007, dovesse finire all'asta proprio nei prossimi giorni. Sul rogo ora si concentra l'attenzione della Procura che già domani potrebbe aprire un fascicolo d'indagine. Emerge intanto che il Molino, da cui sono partite le fiamme, era sprovvisto di energia elettrica, così come gli altri edifici vicini: è dunque escluso un corto circuito. Ai microfoni di radio VenetoUno le parole del comandante provinciale dei vigili del fuoco, Nicola Micele.