Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

VIDEO E INTERVISTA Il sindaco di Silea Silvano Piazza a Buongiorno Veneto Uno

EX CHIARI & FORTI COME IL MOLINO STUCKY: A CHI GIOVA IL ROGO?

Escluso pe ril momento l'inquinamento ambientale: bruciato solo legno


SILEA - "La domanda a cui dobbiamo rispondere è sapere a chi giova questo incendio a pochi dall'asta". Passata la paura per la salute dei cittadini, il sindaco di Silea Silvano Piazza non nasconde l'amarezza per le conseguenze che l'incendio all'ex Chiari & Forti potrebbe portare e lo paragona a quello che qualche anno fa aveva interessato (e semi distrutto) il Molino Stucky a Venezia. "Si tratta di un incendio anomalo e in un momento particolare - sottolinea il primo cittadino - Non si deve pensar male ma a pochi giorni dall'asta c'è da chiedersi se questo incendio faccia il gioco di chi compra o di chi vende". Intanto il sindaco Piazza rassicura i cittadini sul fatto che non c'è stato inquinamento dell'aria in quanto è andato bruciato soprattutto legno. Per precauzione i cittadini sono stati invitati a tener chiuse le finestre ieri sera, ma l'allarme è già rientrato. Ai nostri microfoni il commento del sindaco di Silea Silvano Piazza.
“Abbiamo sempre creduto che certi pessimi meccanismi illegali tutti italiani non appartenessero al nostro territorio, ci auguriamo di non scoprire che anche nel trevigiano vengano invece tristemente applicati. Per evitare speculazioni e ripristinare la legalità servono regole chiare e percorsi virtuosi che permettano di riqualificare i tanti vuoti industriali”. Questo, il giorno dopo il rogo che ha distrutto parte dello stabilimento abbandonato ex Chiari e Forti, è il messaggio che il segretario generale della CGIL di Treviso, Giacomo Vendrame, indirizza, chiaro e forte, alle Istituzioni locali e regionali “per affrontare quello che è un problema reale e sentito dalle nostre comunità”.
“Gli spazi industriali abbandonati costellano pesantemente il nostro territorio provinciale costituendo un costo sociale ed economico rilevante – continua il segretario generale CGIL – dobbiamo evitare qualsiasi sorta di speculazione e di deriva verso l’illegalità. Per farlo è necessario identificare soluzioni e modalità per smaltire il vecchio e procedere con le riqualificazioni”.
“Fatti come quello avvenuto ieri a Silea non sono tollerabili – tuona Giacomo Vendrame - visto l’innumerevole numero di edifici, capannoni e interi stabilimenti abbandonati nel nostro territorio è necessaria un’assunzione generale di responsabilità. È urgente che Sindaci e Regione predispongano un protocollo di intesa affinché, in attesa della riqualificazione, venga garantita la messa in sicurezza degli immobili, preservando così la sicurezza pubblica e l’ambiente dai possibili pericoli di inquinamento”.