Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il procuratore conferma l'ipotesi dolosa: aperto un fascicolo a carico di ignoti

CHIARI & FORTI, DALLA COSTA: "ESCLUSA L'AUTOCOMBUSTIONE"

L'asta dell'immobile si terrà venerdì: la base parte da 9,1 milioni di euro


TREVISO – (gp) “Non abbiamo ancora la certezza, ma il rogo della Chiari & Forti non può che essere stato di origine dolosa”. Il Procuratore Michele Dalla Costa non lascia spazio a dubbi riguardo all'incendio che ha devastato l'immobile di Silea che venerdì mattina doveva essere venduto all'asta. Asta che non verrà né sospesa né rimandata, come ha sottolineato dal commissario giudiziale Paola Matrundola, e come pubblicato partirà da una base di 9 milioni e 100 mila euro. Ovviamente lo stato dell'immobile verrà reso noto ai compratori, ha dichiarato l'avvocato Matrundola, ma l'asta si effettuerà ugualmente e con ogni probabilità, visti i presupposti, andrà deserta per la terza volta. Difficile infatti capire chi, a fronte dell'incendio, potrebbe guadagnarci. Nel frattempo la Procura di Treviso ha dato mandato alla Polizia giudiziaria di effettuare i dovuti controlli per accertare il dolo e, nel caso, capire quanti e quali siano stati gli inneschi. Il pm Massimo De Bortoli ha aperto un fascicolo sul caso a carico di ignoti in attesa di avere una relazione su quanto accaduto. Al momento non è ancora stato disposto il sequestro dell'area, che comunque non sarebbe vincolante ai fini della vendita all'asta.


Galleria fotograficaGalleria fotografica