Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il procuratore conferma l'ipotesi dolosa: aperto un fascicolo a carico di ignoti

CHIARI & FORTI, DALLA COSTA: "ESCLUSA L'AUTOCOMBUSTIONE"

L'asta dell'immobile si terrà venerdì: la base parte da 9,1 milioni di euro


TREVISO – (gp) “Non abbiamo ancora la certezza, ma il rogo della Chiari & Forti non può che essere stato di origine dolosa”. Il Procuratore Michele Dalla Costa non lascia spazio a dubbi riguardo all'incendio che ha devastato l'immobile di Silea che venerdì mattina doveva essere venduto all'asta. Asta che non verrà né sospesa né rimandata, come ha sottolineato dal commissario giudiziale Paola Matrundola, e come pubblicato partirà da una base di 9 milioni e 100 mila euro. Ovviamente lo stato dell'immobile verrà reso noto ai compratori, ha dichiarato l'avvocato Matrundola, ma l'asta si effettuerà ugualmente e con ogni probabilità, visti i presupposti, andrà deserta per la terza volta. Difficile infatti capire chi, a fronte dell'incendio, potrebbe guadagnarci. Nel frattempo la Procura di Treviso ha dato mandato alla Polizia giudiziaria di effettuare i dovuti controlli per accertare il dolo e, nel caso, capire quanti e quali siano stati gli inneschi. Il pm Massimo De Bortoli ha aperto un fascicolo sul caso a carico di ignoti in attesa di avere una relazione su quanto accaduto. Al momento non è ancora stato disposto il sequestro dell'area, che comunque non sarebbe vincolante ai fini della vendita all'asta.


Galleria fotograficaGalleria fotografica