Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il 52enne, processato per direttissima, era chiamato a risponderedel reato di furto

RONDA FAMILIARE IN DITTA CONTRO I LADRI: DUE ANNI A BARICEVIC

titolari: "Non se ne può più, è già il secondo che facciamo arrestare"


PAESE – (gp) Da due anni si davano il turno per vigilare la ditta in cui lavorano per evitare che venise razziata dai ladri e il 4 marzo scorso, senza farsi giustizia da soli ma chiamando il 112, avevano fatto arrestare Stjepan Baricevic, nomade 52enne di Treviso. Processato per direttissima, dopo aver ottenuto un termine a difesa e la modifica della misura cautelare dal carcere agli arresti domiciliari, l'uomo, difeso dall'avvocato Andrea Zambon, ha chiuso i conti con la giustizia rimediando una condanna a due anni e quattro mesi di reclusione. Protagonisti e vittime allo stesso tempo di questa vicenda erano stati i titolari di un'azienda di Paese che opera nel settore dell'edilizia e del restauro. Colpiti nel corso degli anni da diversi furti, avevano deciso di sorvegliare a turno la loro azienda, per evitare che i malviventi potessero mettere in ginocchio la loro attività. Così avevano fatto anche quel mercoledì sera, vedendo una Opel Astra parcheggiata vicino all'azienda e un uomo che passeggiava nelle vicinanze. Chiamati i carabinieri, avevano scoperto in seguito di essere stati derubati. I militari, dal numero di targa, erano ben presto risaliti al proprietario dell'auto, ovvero Baricevic, che guarda caso era stato sorpreso poco dopo mentre camminava all'esterno della ditta. Appena fuori dalla recinzione erano stati trovati circa 50 chili di rame, già ammassati, e aldilà della rete quattro taniche di gasolio, tre vuote e una piena. Solo in seguito si era scoperto che i serbatoi dei furgoni dell'azienda erano stati danneggiati in quanto chiusi con lucchetti e staffe. “Non se ne può più – aveva dichiarato uno dei titolari della ditta, che ha preferito rimanere anonimo per paura di ritorsioni – Ci tengo alla mia attrezzatura, c'è poco lavoro e come azienda si fa fatica a tirare avanti. Da due anni abbiamo deciso di combattere i ladri presidiando la nostra azienda ed è già la seconda volta che ne facciamo arrestare uno”.