Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO Cinese 35enne, inventa un rapimento ma la moglie denuncia e lo smaschera

PERDE TUTTO AI VIDEOPOKER E SIMULA UN SEQUESTRO DI PERSONA

Da due giorni non aveva più il coraggio di fare ritorno a casa


TREVISO - Aveva perso quasi mille euro ai videopoker, girovagando per due giorni in vari bar e sale slot della provincia. Protagonista di questa vicenda un cinese di 35 anni che non avendo il coraggio di tornare a casa e raccontare la verità alla moglie, ha cercato di simulare il proprio rapimento. La macchinazione dell'uomo era talmente ben congegnata che la donna, una connazionale 40enne, ha deciso di recarsi in Questura per denunciare il presunto sequestro di persona del marito. Così facendo ha scoperto la verità. L'episodio è avvenuto sabato scorso ed ha tenuto con il fiato sospeso, per quasi tutta la giornata, gli investigatori della squadra mobile di Treviso. Gli agenti in poche ore sono riusciti a scoprire la verità: il 35enne, rintracciato nella zona di Mogliano a bordo della sua auto, ha confessato tutto nel pomeriggio. Lo straniero mancava da casa da due giorni. La moglie aveva inutilmente tentato di contattarlo con telefonate e messaggi ma lui si era guardato bene dal rispondere. Sabato alle 5 del mattino, la donna, sempre più in ansia per la sorte del compagno, decide di utilizzare per Enrico Biasutticomunicare con lui un social network cinese, "Wanxin", affermando di voler andare dalla polizia per denunciare la sua scomparsa. La risposta fa raggelare la 40enne. "Si, tuo marito tornerà, ti sarà restituito dopo, non fare denuncia o altrimenti gli faremo del male". La moglie del 35enne cerca di saperne di più ma dopo altre risposte per nulla tranquillizzanti decide di andare a raccontare tutto alla polizia: non poteva immaginare che a scrivere fosse proprio il marito. L'uomo che durante le due giornate di fuga aveva dormito in auto, racconterà agli investigatori di essere malato di gioco e di aver speso tutto quel che aveva in tasca. Proprio a causa di questo vizio, la sorella, proprietaria di un negozio di abbigliamento in centro storico a Treviso in cui lavora anche la moglie, lo aveva allontanato. Ora per questo episodio il 35enne rischia una denuncia che è al vaglio dell'autorità giudiziaria. Nel video il commento del capo della squadra mobile di Treviso, Enrico Biasutti.