Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Marian Bazdaga Benone ha patteggiato 8 mesi, assolto invece Mario Cioffi

AUTO SCHIACCIATA DA DUE CAMION: SOLTANTO UN AUTISTA COLPEVOLE

Vittime il 65enne Bruno Zanchetta e il 29enne Nicolaj Mengo



CASTELLO DI GODEGO
– (gp) Il processo per omicidio colposo per la morte di Bruno Zanchetta, ex vigile urbano bassanese di 65 anni, e di Nicolaj Mengo, cuoco 29enne di Caerano San Marco, si è chiuso con un patteggiamento e un'assoluzione.

A stabilirlo il gup Bruno Casciarri che ha dato il via libera all'accordo con la Procura per una pena di 8 mesi di reclusione, pena sospesa, da infliggere a Marian Bazdaga Benone, il 32enne romeno di San Donà di Piave che era stato il primo a impattare con l'auto delle vittime; il giudice, in base alle perizie effettuate dalle difese, ha invece assolto il 61enne di Romano d'Ezzelino Mario Cioffi, il secondo a entrare in contatto con l'utilitaria.

Secondo quanto stabilito dal tribunale di Treviso, l'impatto mortale è stato infatti il primo e, nonostante la velocità ridotta, il secondo camionista non poteva far nulla per evitare di travolgere a sua volta il furgone su cui viaggiavano le due vittime. Il pm aveva chiesto comunque la condanna a 8 mesi di reclusione, con rito abbreviato, anche per Cioffi.

Il tragico incidente si era verificato il 12 marzo dello scorso anno. Le vittime lavoravano entrambe al ristorante “La Palma” di Mussolente: Bruno Zanchetta stava accompagnando Nicolaj Mengo in aeroporto a Venezia perchè doveva partire, per ragioni di lavoro, per Panama. La Lancia Ypsilon su cui viaggiavano i due uomini, poco dopo le 5, si stava immettendo sulla regionale 245 provenendo da via Chioggia. La strada regionale, che in quel tratto prende il nome di via Trento, compie una leggera curva verso sinistra e forse questo aveva impedito la vista della vettura ad un autoarticolato, che sopraggiungeva in quel momento.

Il camion, con alla guida Marian Bazdaga Benone, aveva travolto l'auto spingendola in mezzo alla carreggiata. Nella direzione opposta transitava l'altro tir, guidato Mario Cioffi: l'autotrasportatore aveva tentato una disperata manovra per evitare l'impatto scartando verso sinistra, ma non era riuscito a evitare lo schianto.