Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Da settembre a marzo, si sono rivolte al servizio 195 persone

SPORTELLO ORIENTAMENTO CISL, UN UTENTE SU QUATTRO TROVA LAVORO

La responsabile Berlese: "Molti non si rendono conto delle proprie competenze"


TREVISO - Lo sportello di orientamento al lavoro della Cisl Treviso, dallo scorso settembre al 31 marzo, ha effettuato colloqui con 195 utenti. Di questi, 118 sono donne e 77 sono uomini, la maggior parte tra i 30-50 anni di età e per il 70% italiani (137 persone). L’85% delle persone che si sono presentate allo sportello erano disoccupati, il 42% di questi da oltre due anni. Quasi metà degli utenti (41%) è in possesso di un titolo di studio di scuola media superiore, 26 sono laureati (13%).
L’elemento positivo da segnalare è che, a seguito dell’analisi condotta sulle persone che si sono presentate allo sportello nel periodo indicato, e dichiaratesi disoccupate alla data del primo incontro, il 24% di queste, pari a 46 unità, hanno trovato lavoro con contratti a tempo determinato o indeterminato. Una decina sono invece le situazioni con formule di collaborazione a voucher, a tirocinio e borse di studio, portando quindi a 56 le persone che, dopo essersi rivolte allo sportello, hanno trovato sbocchi lavorativi.
“Il dato ci dà grande soddisfazione e ci fa capire che abbiamo intrapreso la strada giusta – afferma Alfio Calvagna della segreteria Cisl Belluno Treviso – Il sindacato deve sapersi innovare con competenza, affiancando il lavoratore a 360° sia quando questi è occupato, sia all’inizio del suo percorso professionale e, soprattutto, in caso di perdita del lavoro. Il ruolo di rappresentanza passa attraverso il saper interpretare e governare le nuove dinamiche del mercato del lavoro, offrendo un servizio sempre più personalizzato e creando una rete efficace sul territorio.”
Agli utenti è stato somministrato un questionario, per capire il livello di gradimento, le difficoltà, i principali bisogni e fornire così un servizio sempre più puntuale e finalizzato. Le risposte fornite dagli utenti indicano che l’attività dello sportello risulta essere un servizio utile, in cui competenza professionale, tempo dedicato, cura della relazione e l’utilizzo di un approccio fortemente personalizzato (case management), fanno la differenza. Chi si è rivolto allo sportello cercava supporto operativo più che un vero e proprio orientamento: strumenti, canali di ricerca, opportunità concrete di lavoro.
Più della metà di coloro che hanno risposto ritiene importante l’accesso diretto alle offerte di lavoro, mentre al secondo posto in ordine di importanza viene riconosciuto l’accompagnamento nelle diverse fasi della ricerca a cui segue, al terzo posto, l’esigenza di avere supporto di tipo informativo sulle agevolazioni (35%) e sulle opportunità formative e di reinserimento sul territorio (30%).
“Per una persona che cerca lavoro è anche importane conoscere le opportunità formative o di inserimento, le agevolazioni che può avere nei confronti di un’azienda, le varie forme contrattuali previste nel nuovo Job’s Act o da Garanzia Giovani - afferma Simona Berlese responsabile dello sportello orientamento lavoro Cisl Treviso –. Altro elemento da sottolineare, è il tipo di approccio dato alla consulenza. Si è infatti passati da un modello burocratico-amministrativo ad un vero e proprio accompagnamento e supporto, anche emotivo, del soggetto che si rivolge al servizio".