Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ospite da Mig˛ il direttore della comunicazione e dei Musei del Cavallino

ANTONIO GHINI AL PANATHLON: "VI SPIEGO IL FASCINO DELLA FERRARI"

"Nella squadra di Formula 1 quest'anno si respira un'aria nuova"


TREVISO -  Antonio Ghini è stato ieri sera ospite da Migò del Panathlon di Treviso per presentare il suo nuovo libro Dal detersivo alla Ferrari, 100 modi di comunicare. Immagini e filmati a corredo di una serata tutta all’insegna delle Rosse: Ghini è stato alla direzione della comunicazione della Renault e dal 1993 della Ferrari, oggi è consulente di comunicazione in Ferrari per la direzione di The Official Ferrari Magazine, il giornale dell’azienda, e dei due musei di Maranello e Modena. Mondiale di F1: la Rossa è tornata competitiva. Durerà?
"Fare previsioni non tocca certo a me, posso dire di essere testimone dell’entusiasmo e della determinazione della squadra, rinnovata ma non rivoluzionata, guidata da Maurizio Arrivabene. C’era bisogno di chi avesse rigore manageriale, conoscenza profonda della F1 e passione genuina, tipica dei ferraristi. Poi le incognite non mancano, basti vedere le difficoltà delle Red Bull, che sembravano inavvicinabili. La tecnologia e gli spaventosi investimenti che richiede, senza le prove su pista servono infatti simulazioni complicatissime, rende effimero ogni risultato. Oggi le Mercedes sono davanti a tutti ma è bello constatare che noi siamo coloro che le stanno più vicini."
Alonso se ne sia andato un po’ troppo presto? "Le storie d’amore spesso finiscono se non si realizzano i sogni fatti. Ed il sogno l’avevano fatto sia la Ferrari che Alonso, ragazzo straordinario, ma se la squadra non è più in grado di fornirti la macchina vincente meglio per tutti tentare altre strade. Per ora la Mc Laren-Honda è molto acerba, ma visti i nomi la strada la troveranno. Vettel invece ha portato l’entusiasmo del nuovo arrivato, il suo piacere di far parte di un team magico come questo. E bene anche Raikkonen, stupenda la sua partenza in Cina. Del resto stiamo parlando di due campioni del mondo."

Nella foto Ghini (a destra) assieme al presidente del Panathlon Andrea Vidotti.