Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO CHOC Castelfranco, cinque aziende chiuse da carabinieri e dal Nil della Dtl

BLITZ IN BAZAR E FABBRICHE CINESI: TROVATI ANCHE TOPI MORTI

Ispezionate 14 aziende, accertate 24 violazioni, 25 lavoratori in nero


CASTELFRANCO - I carabinieri di Castelfranco Veneto nel corso di specifici servizi di controllo di attività gestite da cittadini cinesi svolte congiuntamente al personale del Nucleo Ispettorato Lavoro di Treviso hanno ispezionato 14 aziende (11 manifatture, 2 tomaifici ed un bazar), accertando complessivamente 24 violazioni ed elevando contravvenzioni per un totale di circa 100 mila euro. Nel contesto sono stati identificati 25 lavoratori in “nero” ed a 5 imprese è stata sospesa l’attività. In alcune attività la situazione igienico sanitaria era particolarmente precaria: all'interno di una ditta è stato trovato addirittura un grosso topo morto nelle stesse fabbriche in cui lavoravano con i figli.