Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Dati relativi al comune capoluogo e a Conegliano diffusi dalla Questura

NUOVA LEGGE SULLE ARMI: GIĄ 260 QUELLE SEQUESTRATE A TREVISO

Denunciate 15 persone: fino al 4 maggio per presentare il certificato


TREVISO – (gp) Il nuovo decreto legislativo che rende ancora più stringenti le norme per la detenzione di armi ha già portato la Questura di Treviso a sequestrarne 260 soltanto nel comune capoluogo e a Conegliano.

Dati presentati dalla sezione amministrativa della Polizia di Stato a due settimane dalla scadenza del termine ultimo, fissato il 4 maggio, per presentare il certificato medico necessario per poter detenere, in mancanza di una licenza valida, un'arma in casa.

Sono state 3.100 le lettere inviate dalla Questura ad altrettanti cittadini per informarli della nuova norma, ma di questi soltanto 750 hanno risposto. Il risultato è che, effettuato i controlli, si è venuti a sapere che 150 situazioni sono risultate irregolari e 15 persone sono già state denunciate all'autorità giudiziaria. Sono invece tornate al mittente 350 lettere: 100 destinatari risultano infatti deceduti e i restanti hanno cambiato residenza.

Il problema sarà capire ora che fine hanno fatto le armi che queste persone detenevano. Di certo c'è che al momento 80 tra pistole e revolver, 150 tra fucili e carabine e circa 30 armi bianche (katane, sciabole, baionette e stiletti) sono destinate al macero perchè ritirate ai possessori trovati non in regola con le norme di legge.
Nel video le raccomandazioni del dirigente della sezione amministrativa della Questura di Treviso Ciro Pellone.