Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'uomo già condannato per spaccio è stato protagonista di un'inseguimento rocambolesco

ARRESTATO IL PUSHER DI PARCO MANIN, CLIENTI ANCHE DEI MINORI

Montebelluna, fermato dagli uomini della Squadra Mobile un 32enne marocchino


MONTEBELLUNA - Arrestato a Montebelluna dagli uomini della squadra mobile di Treviso nel pomeriggio di mercoledì, un pusher 32enne di origini marocchine A.K., che spacciava nella zona tra parco Manin e la stazione dei treni. L’uomo già pregiudicato per reati specifici aveva tra i suoi clienti anche dei minorenni, studenti in città che dopo le lezioni passavano dalla stazione per prendere i mezzi pubblici e si rifornivano di hashish. Molto accorto e guardingo nella sua attività, evitava sempre di muoversi con troppa droga addosso preferendo piuttosto effettuare più movimenti per rifornirsi; anche al momento dell’arresto addosso gli sono state trovate solo poche dosi. Gli accertamenti degli uomini della Questura di Treviso sono state ancora più difficoltose in fase di indagine perché l’uomo ha dimostrato una buona dose di scaltrezza effettuando quasi sempre i suoi movimenti a piedi o in bicicletta, e scegliendo percorsi secondarie che lo rendevano difficilmente pedinabile. Rocambolesca anche la dinamica dell’arresto con l’uomo che è scappato a piedi nudi con in mano le infradito che calzava ai piedi. Nell’abitazione sono stati ritrovati 40 grammi di hashish e il materiale per il confezionamento.