Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'uomo già condannato per spaccio è stato protagonista di un'inseguimento rocambolesco

ARRESTATO IL PUSHER DI PARCO MANIN, CLIENTI ANCHE DEI MINORI

Montebelluna, fermato dagli uomini della Squadra Mobile un 32enne marocchino


MONTEBELLUNA - Arrestato a Montebelluna dagli uomini della squadra mobile di Treviso nel pomeriggio di mercoledì, un pusher 32enne di origini marocchine A.K., che spacciava nella zona tra parco Manin e la stazione dei treni. L’uomo già pregiudicato per reati specifici aveva tra i suoi clienti anche dei minorenni, studenti in città che dopo le lezioni passavano dalla stazione per prendere i mezzi pubblici e si rifornivano di hashish. Molto accorto e guardingo nella sua attività, evitava sempre di muoversi con troppa droga addosso preferendo piuttosto effettuare più movimenti per rifornirsi; anche al momento dell’arresto addosso gli sono state trovate solo poche dosi. Gli accertamenti degli uomini della Questura di Treviso sono state ancora più difficoltose in fase di indagine perché l’uomo ha dimostrato una buona dose di scaltrezza effettuando quasi sempre i suoi movimenti a piedi o in bicicletta, e scegliendo percorsi secondarie che lo rendevano difficilmente pedinabile. Rocambolesca anche la dinamica dell’arresto con l’uomo che è scappato a piedi nudi con in mano le infradito che calzava ai piedi. Nell’abitazione sono stati ritrovati 40 grammi di hashish e il materiale per il confezionamento.