Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Perchè alcuni clienti sono stati liquidati e moltissimi altri no?

ASSEMBLEA DI VENETO BANCA, LA DELUSIONE DEI SOCI

Quale è il processo per la svalutazione delle azioni


VOLPAGO DEL MONTELLO - Quella che emerge, tra i vari sentimenti espressi dai soci di Veneto Banca, è soprattutto la delusione per aver investito i risparmi di una vita, la liquidazione in azioni che ora valgono oltre il 20% in meno di quanto valevano fino a qualche mese fa.
La richiesta, avanzata anche dal presidente degli azionisti di VenetoBanca Giovanni Schiavon è quella di una maggiore trasparenza, condividere il percorso decisionale che ha portato il consiglio alle decisioni attuali. Ma soprattutto chiede Schiavon è giusto sapere quanti soci sono riusciti a vendere le loro azioni e perchè a tanti altri non è stato concesso.
L'impressione è quella di contare sempre meno come soci, in un mercato dominato dai provvedimenti della BCE e dal Governo.
Sicuramente resta la consapevolezza che se in passato si è persa l'occasione di vendere le azioni ora non ha senso provare a liquidarle. Molti sono i soci rassegnati che aspettano tempi migliori magari dopo il passaggio alla SPA.

Galleria fotograficaGalleria fotografica