Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nel 2005 ritorno all'utile: 49 milioni nel primo trimestre

VENETO BANCA, SULLA FUSIONE SI DECIDE ENTRO FINE ESTATE

Contestazioni, ma bilancio approvato con il 91,2%, solo 60 contrari


VOLPAGO DEL MONTELLO - La decisione se fondersi e con chi (o se rimanere autonomi) verrà presa da Veneto Banca già entro l'estate. "Faremo al più presto - ha confermato il direttore generale Vincenzo Consoli -, con ogni probabilità già al ritorno delle ferie convocheremo un'assemblea straordinaria per decidere cosa fare e con chi andare".
Varie le ipotesi sul piatto che l'istituto ha affidato alla società di consulenza Rothschild: il cosiddetto "stand alone", cioè il rimanere soli, l'aggregazione ad una quotata, l'aggregazione ad una non quotata
Il presidente Francesco Favotto ha ribadito: "Non abbiamo sottoscritto con nessuno, quando avremo gli ordini di grandezza faremo le valutazioni. Qualcuno si lamenta che il cda non arriva oggi con proposta, ma mi pare serio non farlo se il quadro è ancora in evoluzione. Aver messo la questione all'ordine del giorno è stato un atto rispetto verso i soci per aggiornarli".
Alle tante lamentele su discriminazioni nella liquidazione delle azioni, i vertici hanno ribadito che i criteri non guardano all'anzianità di acquisto, ma solo alla cronologia delle richieste, seguendo il principio base di soddisfare entità modeste "per dare poco a tanti". Per facilitare la monetizzazione delle quote, rendendo più efficiente l'incontro tra domanda ed offerta, verrà creato una sorta di "borsino" gestito dall'Istituto centrale per le banche popolari.
Il bilancio consolidato si chiude con 968 milioni di perdita, ma nel primo trimestre del 2015 il gruppo a segnare un risultato positivo per 49 milioni di euro. ": "Una perdita tecnica - ha assicurato Favotto - che si riscontra anche nei bilanci di molte altre banche comparabili, quotate e non, e non è in discussione la capacità di generare utili in futuro". Nonostante le contestazioni, il bilancio è stato approvato con il 91.2% di favorevoli, il 5,9 di astenuti e il 2,9 di contrari (60 soci). Il dibattito dura oltre sei ore: iniziata poco mnuti dopo le 9, l'assise si chiude ufficialmente alle 15.40. Dal picco massimo di quasi 5mila soci, a quell'ora, per le votazioni finale, in sala è rimasto poco più di un migliaio di persone (con quasi altrettante deleghe).
Per quanto riguarda, la svalutazione dell'azione, il presidente ha sottolineato come l'importo fissato "concorre per i soli ingressi di nuovi soci o per la liquidazione, non esprime valore patrimoniale dell’azienda, né costituisce di per sé una quotazione del titolo posseduto. Favotto, in apertura della sua relazione, aveva anche rimarcato come il direttore generale Vicenzo Consoli goda della piena fiducia del cda e "dunque non se ne va".
L'assemblea, infine, ha inoltre riconfermato nell'incarico per gli esercizi 2015, 2016 e 2017, i quattro consiglieri di amministrazione in scadenza: Graziano Gianmichele Visentin, Stefano Campoccia, Pierluigi Bolla e Matteo Zoppas. Contestualmente è stato nominato sindaco supplente Adolfo Bordin.