Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Due anni per stalking a un 40enne: la compagna accusata di falsa testimonianza

DENUNCIA IL COMPAGNO E SI PENTE: LUI CONDANNATO, LEI INDAGATA

La donna lo avrebbe denunciato per vendetta: aveva un'amante


TREVISO – (gp) Due anni di reclusione per stalking nei confronti dei figli e della compagna che a sua volta potrebbe venire indagata per falsa testimonianza per aver “gonfiato” le accuse contro il fidanzato per vendicarsi della sua relazione con un'altra donna.

E' l'esito del procedimento penale nei confronti di un 40enne serbo trascinato in tribunale dalla sua compagna. La donna, che secondo gli inquirenti avrebbe denunciato il compagno dopo aver scoperto un tradimento raccontando di aver subito violenze peggiori di quanto probabilmente accaduto, sosteneva di essere rimasta vittima di continue persecuzioni da parte del fidanzato. Tanto da dover cambiare il proprio stile di vita per evitare che questi si accanisse contro di lei. Una situazione, stando alle accuse, che si sarebbe protratta nel tempo e sarebbe venuta a galla soltanto al termine dell'ultima furibonda lite in famiglia.

La donna, dopo aver sporto denuncia, aveva però ritirato la querela. Ma i comportamenti illeciti riguardavano anche i figli, motivo per cui la denuncia è procedibile d'ufficio. In aula, chiamata a testimoniare, la 35enne ha ritrattato quanto riferito ai carabinieri. Motivo per cui il giudice, valutate le prove assunte, ha giudicato colpevole il padre dei bambini e mandato gli atti al pm per perseguire la madre per aver dichiarato il falso sotto giuramento.