Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sotto accusa per violenza sessuale aggravata un nigeriano di 41 anni

SPOGLIATE E TOCCATE IN CAMERINO: QUATTRO ANNI AL VIGILANTE

Sei le vittime: una ha ottenuto un risarcimento di 15 mila euro


TREVISO – (gp) Nonostante lo sconto di un terzo della pena in virtù del rito abbreviato, Ijwe Anthony Chukwuemeka, l'addetto alla vigilanza del negozio di abbigliamento Oviesse in pieno centro storico a Treviso finito sotto processo per violenza sessuale aggravata, è stato condannato dal gup Silvio Maras a quattro anni di reclusione.

Il 41enne nigeriano, difeso dall'avvocato Alessandra Nava che ha già annunciato che farà ricorso in appello, secondo l'accusa avrebbe abusato di sei ragazze, due di appena 16 anni. Una di loro, costituitasi parte civile, ha ottenuto un risarcimento danni di 15 mila euro. Stando a quanto sostenuto dal pubblico ministero Francesca Torri, che aveva ipotizzato una condanna a cinque anni di reclusione, l'uomo avrebbe molestato le sei giovanissime costringendole, con il pretesto di una perquisizione, a spogliarsi completamente nei camerini dell'Oviesse e in quattro casi palpeggiate.

Il primo episodio contestato dalla Procura di Treviso risaliva all'ottobre del 2013 e aveva visto come vittima una minorenne che sarebbe stata fatta denudare e toccata nelle parti intime; poi altre due ragazze che si erano presentate alla squadra mobile avevano raccontato di essere state fatte spogliare del tutto, e infine le ultime tre giovani, due minori e una 18enne, “ispezionate” a fine maggio dello scorso anno dal 41enne perché accusate del furto di una maglietta. Le giovani si sarebbero spesso rese protagoniste di piccoli furti o tentati furti all'interno del negozio e, secondo l'accusa, l'addetto alla sicurezza avrebbe “barattato” il suo silenzio per nascondere quei presunti abusi.

Ma il diretto interessato ha sempre negato con forza ogni abuso. “Non ho mai fatto nulla di quanto mi viene contestato – aveva detto nel corso dell'interrogatorio di garanzia - Quelle ragazzine si sono inventate tutto per crearsi una difesa se le avessi denunciate”.