Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, ordinanza del gip, dalla sua camera un continuo viavai di spacciatori

PERSEGUITA E PICCHIA I GENITORI, 36ENNE ALLONTANATA DA CASA

Mamma e papÓ aggrediti: voleva denaro per acquistare cocaina


TREVISO - Per quasi vent'anni, a causa della sua dipendenza dalla cocaina e alla sua vita sregolata, ha tenuto in scacco i suoi genitori, oggi 70enni, arrivando più volte a insultarli pesantemente, picchiarli, tormentarli e derubarli pur di acquistare droga. Questi i motivi che hanno spinto il gip del tribunale di Treviso, al termine di un'indagine della squadra mobile, a emettere un'ordinanza di allontanamento dall'abitazione famigliare per una 36enne di Treviso. I genitori avevano fatto il possibile per salvarla dalla spirale in cui la figlia era precipitata, fin da quando aveva 16 anni: alle superiori la vita notturna e il primo approccio con le droghe, poi all'università, a Padova, la situazione degenera, fino a portarla a lasciare gli studi e a tornare a vivere con mamma e papà. Nonostante le attenzioni dei genitori che la avviano a diversi ricoveri in centri specializzati, consulenze con psicologi e psichiatri e al lavoro presso l'attività di famiglia, la ragazza non riesce a dare una svolta alla sua vita. Anzi. Presso l'abitazione è un continuo viavai di amici, spacciatori e la sua stanza diventa un luogo di consumo di sostanze stupefacenti per lei e non solo. La 36enne, in breve tempo, finisce il denaro del suo conto corrente e per ottenerne dai genitori arriva a malmenarli in più occasione o a perseguitarli. Mamma e papà furono più volti costretti a far intervenire la polizia ma quasi sempre ritirarono la querela; a fine febbraio, dopo l'ennesima aggressione, la decisione di chiedere aiuto alla Questura. Di qualche giorno fa la decisione del gip che ha deciso di affidare la 36enne ai servizi sociali del Comune.