Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/227: JUSTIN THOMAS SENZA RIVALI AL BRIDGESTONE INVITATIONAL

Il terzo evento del circuito World Golf Championship


AKRON (USA) - È Francesco Molinari a godere il favore degli spettatori. Lo divide con il leader mondiale Dustin Johnson, che di WGC ne ha già conquistati cinque. Anche Tiger Woods, riemerso grazie alla bella prestazione nell’Open Championship, è atteso con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/226: UN BEL COMPLEANNO FESTEGGIATO SUL FAIRWAY

Torneo e party in onore di Luigino Conti, patron di Ca' della Nave


MARTELLAGO - Una Louisiana a due, per festeggiare il genetliaco di Luigino Conti, direttore del Club Cà della Nave, persona che sa farsi benvolere.Luigino, che ormai da tre anni ha assunto la dirigenza del Circolo trovando nel suo cammino un mare di difficoltà, è riuscito a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/225: CON L'ACI SI GIOCA NEL BOSCO DELLA SERENISSIMA

Al Golf Cansiglio il torneo promosso dall'Automobile Club


TAMBRE D'ALPAGO - L’Automobile Club d’Italia ha cura dei propri soci: al di là del suo compito d’istituto su tutto quanto è attinente all’automobile, mette a loro disposizione un Campionato italiano di Golf, che gira da aprile ad agosto, su 28 tra i...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La donna dovrà affrontare un processo e rispondere anche del reato di truffa

PECULATO IN COMUNE A SPRESIANO: DIPENDENTE RINVIATA A GIUDIZIO

Il comune si è costituito parte civile: chiede 30 mila euro di danni



SPRESIANO
– (gp) La dipendente dello stato civile del comune di Spresiano, che secondo l'accusa avrebbe sottratto valori bollati dalle pratiche matrimoniali o di residenza, è stata rinviata a giudizio per le ipotesi di reato di peculato e truffa. La donna, difesa dall'avvocato Cristiano Biadene, si è detta fiduciosa di poter chiarire i fatti a processo. Il Comune ha intanto formalizzato la costituzione di parte civile chiedendo un risarcimento danni di 30 mila euro.

Il pm Giovanni Valmassoi, titolare delle indagini, sostiene che la dipendente si sarebbe fatta consegnare contanti dicendo che si sarebbe arrangiata ad apporre la marca da bollo (che a volte non veniva messa o veniva sostituita con quella di atti di anni precedenti) o avrebbe chiesto agli utenti soldi in più rispetto al reale ammontare del valore bollato. In tutto sono 51 le pratiche sotto accusa (circa un migliaio di euro), e sei le persone offese che hanno sostenuto di aver pagato più del dovuto per la marca da bollo necessaria per le pubblicazioni di matrimonio.

Nel corso dell'interrogatorio reso in Procura, la dipendente comunale, oltre ad aver sottolineato di aver sempre agito in assoluta buonafede, aveva dichiarato che sarebbe stata prassi dell'ufficio dello stato civile premunirsi della marche da bollo per poi incassare i soldi degli utenti all'evenienza. Una sorta di servizio offerto ai cittadini che per anni ha funzionato alla perfezione. Dichiarazioni confermate da una sua collega, sentita dal pm nel corso delle indagini.