Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/182: ANCORA DOMINIO USA ALLA SOLHEIM CUP 2017

In Iowa la più importante gara del tour femminile


TREVISO - Solheim Cup 2017: siamo al corrispondente femminile della Ryder Cup, la gara più importante per “l’altra metà del cielo”, che contrappone le più forti atlete europee a quelle americane. Si gioca ogni due anni, alternativamente in Europa e negli Stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Corpo con il cranio fracassato, sarà eseguito il test del Dna, spunta un testimone

POSSAGNO: UOMO CARBONIZZATO, FERMATI UN UOMO E UNA DONNA

L'omicidio sabato notte, la loro auto in panne, incastrati dal meccanico


POSSAGNO - Ci sono due persone, un uomo ed una donna, in stato di fermo per l'omicidio di Possagno. Nel primo pomeriggio di ieri, alle 14, a Possagno lungo una mulattiera dietro la gipsoteca del Canova in valle della Gheda, detta valle di San Rocco, era stato rinvenuto il cadavere, carbonizzato, di un uomo dai caratteri caucasici, alto un metro e 60 e di circa 50 anni, con il cranio fracassato. A scoprire il corpo, in avanzato stato di decomposizione, sono stati due boscaioli del luogo, Gabriele Fornasier ed il fratello. I resti sotto un cumulo di sassi: ad attirare i fratelli è stato lo strano accumulo di mosche nei pressi delle pietre. Sotto i massi c'era il corpo. Nei giorni scorsi era stato notato anche del fumo provenire dal bosco ma gli stessi boscaioli non vi diedero peso. Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Castelfranco che indagano ora per omicidio.

E' in corso in queste ore l'identificazione del corpo (sarà sottoposto al test del Dna) e i rilievi scientifici. Probabilmente il cadavere è stato ucciso altrove e poi trasportato li per essere eliminato; la morte risalirebbe probabilmente a sabato notte. Gli investigatori, coordinati dal pm Mara De Donà, stanno passando al setaccio le immagini del sistema di videosorveglianza della zona e sentendo alcune testimonianze; tra queste c'è quella di un meccanico della zona che avrebbe prestato soccorso sabato sera ad un uomo ed una donna, italiani, rimasti in panne con la loro auto, una Golf, proprio poco distante. I due, stando al racconto fornito, si erano mostrati particolarmente nervosi e con molta fretta di dileguarsi: sono riusciti a ripartire solo domenica mattina. I militari li hanno fermati nella notte e sottoposti ad un lunghissimo interrogatorio: al termine sarebbero scattate le manette. Trovato a pochi passi dai resti anche un coltello di oltre 10 centimetri di lunghezza, annerito dal fuoco, con cui la vittima sarebbe stata uccisa (il corpo presentava dei profondi fendenti all'addome).