Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Omicidio degli amanti, Lucia Lo Gatto e Manuel Palazzo in silenzio di fronte al giudice

DELITTO DI POSSAGNO: MERCOLEDÌ L'AUTOPSIA DI ALDO GUALTIERI

Esame autoptico decisivo, ieri l'interrogatorio di garanzia


POSSAGNO - E' stato conferito all'anatomopatologo Alberto Furlanetto l'incarico di effettuare l'autopsia sul corpo di Aldo Gualtieri, il 40enne originario di Lamezia Terme e residente a Roma d'Ezzelino, brutalmente assassinato dall'ex convivente, Lucia Lo Gatto e dal suo giovane fidanzato, il 26enne Manuel Palazzo. L'esame autoptico si svolgerà mercoledì mattina alle 9.40 e sarà fondamentale per il proseguo delle indagini che sono coordinate dal pm Mara Giovanna De Donà. Domenica mattina i due imputati, accusati di omicidio e occultamento di cadavere, sono comparsi di fronte al gip del Tribunale di Treviso, Silvio Maras, per l'interrogatorio di convalida del fermo e si sono avvalsi della facoltà di non rispondere. Lucia Lo Gatto e Manuel Palazzo, erano accompagnati dai loro legali, gli avvocati Tiziana Ceschin e Fabio Crea. Il giudice, su richiesta dei legali, si è riservato la decisione in merito alla richiesta di modifica della misura di custodia cautelare. Gli avvocati infatti hanno evidenziato come, allo stato degli atti, mancherebbe la gravità indiziaria per quanto riguarda l'omicidio di Aldo Gualtieri. Differenti invece le prove per quanto riguarda l'occultamento del cadavere. Per l'accusa i due amanti, sabato sera, avrebbero prima drogato la vittima con dei sonniferi sciolti nel caffè e poi, con un coltello, lo avrebbero colpito all'addome. Successivamente lo avrebbero caricato in auto e abbandonato nei pressi del tempio del Canova a Possagno, dandogli fuoco e coprendolo con delle pietre. Un tentativo maldestro di sbarazzarsi del corpo visto che, con l'auto in panne, hanno chiesto aiuto a un meccanico divenuto testimone chiave nell'indagine. Il corpo era stato scoperto giovedì pomeriggio da alcuni boscaioli.