Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sempre più proprietari convertono in terreni agricoli per ridurre l'Imu

AREE EDIFICABILI, QUOTAZIONI DIECI VOLTE SUPERIORI AL MERCATO

Indagine di Confedilzia: valori fissati dai Comuni fermi al 2007


TREVISO - Valori dei terreni edificabili del tutto fuori mercato. Mentre si avvicina la scadenza per il primo pagamento, il 16 giugno, la Confedilizia di Treviso torna a lanciare l'allarme sulle "quotazioni" dell'Imu per le aree edificabili. Per questa tipologia, infatti, la legge prevede che siano i Comuni a fissare la base imponibile e ad aggiornarla ogni anno, in base alle compravendite registrate nella zona. Secondo l'associazione dei proprietari, però, questo non avviene: l'organizzazione ha effettuato una rilevazione, chiedendo alle 95 amministrazioni della Marca le relative delibere, ottenendo risposta da 27 municipi: “Di questi, 18 non hanno mai aggiornato i valori in sette anni – spiega uno dei responsabili, Carlo Garbuio -, 7 li hanno addirittura aumentati, mentre solo due li hanno ridotti, peraltro solo nell’ultimo anno”. I rappresentanti di Confedilizia citano alcuni esempi: un appezzamento in area industriale di circa 40mila metri quadrati, secondo la base imponibile stabilita dall’amministrazione dovrebbe valere 102 euro al metro quadro, con la conseguenza, per il proprietario di un versamento annuo di oltre 28mila euro. Secondo un’apposita stima legata alle compravendite in zona, invece, il valore di base andrebbe ribassato a 13 euro al metro quadro. Oppure, in un comune della Sinistra Piave al confine con il Friuli, il divario va dai 35 euro “istituzionali” agli 8 “reali”.
La conseguenza è che sempre più persone chiedono il passaggio dell’area da edificabile ad agricola (soggetta ad un regime diverso): su un campione di circa un terzo dei comuni, Confedilizia ne ha conteggiate 242. “Con un danno per il proprietario, ma anche una perdita di gettito anche per le casse comunali e dunque per tutti i cittadini”, sottolinea Marcello Furlan, presidente provinciale di Confedilizia.