Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'inchiesta, che sembrava finita nel nulla, continua con un incidente probatorio

SECESSIONISTI VENETI: DISPOSTA UNA PERIZIA TECNICA SUL "TANKO"

Tra i 24 indagati anche i trevigiani Franco Rocchetta e Maria Marini



ROVIGO
– (gp) All'inizio sembrava l'inchiesta che doveva sterminare una cellula terroristica di “secessionisti veneti”. Poi, col passare delle settimane, si era drasticamente ridimensionata dopo che l'accusa di associazione con finalità di terrorismo ed eversione dell'ordine democratico era caduta per mancanza di gravi indizi di colpevolezza.

E ora, a distanza di oltre un anno dai fatti, quando pareva che il fascicolo aperto dalla Procura di Brescia dovesse finire in un nulla di fatto, il gip di Rovigo ha fissato per il 10 luglio un incidente probatorio per stabilire se il Tanko sequestrato in un capannone di Casale di Scodosia fosse o meno pericoloso. Cioè se fosse in grado di sparare e provocare danni o soltanto un trattore modificato con delle lamiere senza alcuna potenza di fuoco.

Al centro della vicenda c'è l'inchiesta sul gruppo "Alleanza" condotta dal Ros di Brescia che il 2 aprile dello scorso anno aveva portato 22 persone in carcere e 2 agli arresti domiciliari. Tra questi c'erano anche i due trevigiani Franco Rocchetta e Maria Marini. Il primo, ex deputato 68enne di Colle Umberto e fondatore della Liga Veneta, aveva passato sedici giorni rinchiuso nel carcere di Treviso. La seconda, casalinga 58enne di Volpago del Montello, aveva invece lasciato il carcere della Giudecca il 23 aprile, dopo tre settimane di detenzione.

Per loro, come per gli altri indagati nella vicenda, l'accusa rimasta in piedi riguarda la fabbricazione del famoso “Tanko”, ovvero a vario titolo quella di fabbricazione e detenzione di armi da guerra. Per la Procura Franco Rocchetta sarebbe l'ideologo del progetto indipendentista che avrebbe dovuto portare a un'azione dimostrativa eclatante in piazza San Marco a Venezia simile a quella del 1997 quando venne occupato il campanile di San Marco. A Maria Marini invece gli inquirenti contestavano di essere stata “reclutata” da Patrizia Badii (leader del movimento dei Forconi) e di aver messo a disposizione dei vertici di “Alleanza” la cucina di casa come base logistica per il reclutamento dei militanti e il reperimento dei fondi necessari alla causa venetista.