Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Colpiti soprattutto costruzioni, commercio, immobiliari e trasporti

ESCALATION DI FALLIMENTI NELLA MARCA: 324 NEL 2014

Hanno portato i libri in tribunale 55 imprese in più dell'anno prima


TREVISO - Non si ferma l'escalation di fallimenti nella Marca, a riprova di una crisi ancora lungi dall'essere conclusa. Nel 2014 le procedure concorsuali aperte in provincia sono state 324, ovvero 55 in più rispetto alle 269 ai dodici mesi precedenti, a loro volta già superiori rispetto alle 222 del 2012. Aumentano soprattutto i fallimenti: l’anno scorso ne sono stati dichiarati 285 contro i 233 del 2013. Questa tipologia rappresenta l’88% di tutte le procedure attivate in provincia, mentre in 27 casi (l’8,3%) si è fatto ricorso al concordato e, per il restante 3,7%, ad altre forme giuridiche. A fallire, secondo un dossier della Camera di commercio, sono, in prevalenza, aziende manifatturiere (86 nel 2014), benchè con numeri in leggera contrazione. Nessuna tregua invece per edilizia e costruzioni (68 default complessivi, 19 in più), ma sempre a portare i libri in tribunale sono anche ditte del commercio (da 34 a 48 fallimenti), attività immobiliari (27 aperture, 11 in più) e i trasporti (18 procedure, a fronte delle 5 dell’anno prima). Diminuiscono, invece, i procedimenti per sciogliere spontaneamente un’impresa o metterla in liquidazione: nel 2014 ne sono stati registrati 1.498 contro il 1.730 del 2013.