Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Accusata di insolvenza fraudolenta la titolare di un centro estetico di Conegliano

INCASSA I SOLDI DELLE CLIENTI E POI SPARISCE: A PROCESSO

Otto le vittime che si sono costituite parte civile chiedendo i danni



CONEGLIANO
– (gp) Dopo aver sporto denuncia, ora presentano il conto. Non solo per il denaro che avrebbero visto sparire nel nulla, ma anche per i danni subiti. Si tratta di otto clienti del centro estetico “The way of life” di Conegliano che, nel corso della prima udienza del processo che vede imputate la titolare del negozio e una sua collaboratrice per insolvenza fraudolenta, hanno formalizzato la costituzione di parte civile.

La 35enne coneglianese, divenuta proprietaria del centro estetico nel 2013, secondo l'accusa si sarebbe intascata decine di migliaia di euro delle clienti come pagamento anticipato per alcuni trattamenti e, da un giorno all'altro, avrebbe lasciato le serrande del centro abbassate.

I fatti risalgono appunto all'estate di due anni quando la donna, in vista della chiusura per le ferie estive, avrebbe incassato dalle clienti il denaro per i cicli di massaggi e trattamenti per il viso già previsti e prenotati per l'autunno. Stando alle denunce c'è chi avrebbe staccato assegni anche del valore di 3 mila euro.

Al ritorno dalle vacanze però il centro non avrebbe più riaperto: non solo le clienti ma anche le dipendenti avrebbero trovato la porta sbarrata, con la relativa perdita del lavoro da un giorno all'altro. Dopo un anno di indagini, la Procura ha deciso di spedire la 35enne di fronte al giudice per rispondere del reato di truffa.