Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Accusata di insolvenza fraudolenta la titolare di un centro estetico di Conegliano

INCASSA I SOLDI DELLE CLIENTI E POI SPARISCE: A PROCESSO

Otto le vittime che si sono costituite parte civile chiedendo i danni



CONEGLIANO
– (gp) Dopo aver sporto denuncia, ora presentano il conto. Non solo per il denaro che avrebbero visto sparire nel nulla, ma anche per i danni subiti. Si tratta di otto clienti del centro estetico “The way of life” di Conegliano che, nel corso della prima udienza del processo che vede imputate la titolare del negozio e una sua collaboratrice per insolvenza fraudolenta, hanno formalizzato la costituzione di parte civile.

La 35enne coneglianese, divenuta proprietaria del centro estetico nel 2013, secondo l'accusa si sarebbe intascata decine di migliaia di euro delle clienti come pagamento anticipato per alcuni trattamenti e, da un giorno all'altro, avrebbe lasciato le serrande del centro abbassate.

I fatti risalgono appunto all'estate di due anni quando la donna, in vista della chiusura per le ferie estive, avrebbe incassato dalle clienti il denaro per i cicli di massaggi e trattamenti per il viso già previsti e prenotati per l'autunno. Stando alle denunce c'è chi avrebbe staccato assegni anche del valore di 3 mila euro.

Al ritorno dalle vacanze però il centro non avrebbe più riaperto: non solo le clienti ma anche le dipendenti avrebbero trovato la porta sbarrata, con la relativa perdita del lavoro da un giorno all'altro. Dopo un anno di indagini, la Procura ha deciso di spedire la 35enne di fronte al giudice per rispondere del reato di truffa.