Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Presidio davanti al Consiglio regionale, i sindacati: "Situazione disperata"

DA GENNAIO SENZA STIPENDIO, PROTESTA DEI FORESTALI TREVIGIANI

Quaranta lavoratori della Regione avanzano 4 mesi di salario


TREVISO - Nonostante le promesse seguite agli incontri con il presidente del Consiglio regionale e molti capigruppo il 31 marzo scorso in occasione di un presidio davanti a Palazzo Ferro Fini, a numerosi altri incontri, tra cui uno con l’assessore regionale Conte il 28 aprile, i 40 lavoratori forestali trevigiani a tempo indeterminato, causa lungaggini burocratiche, non hanno ancora percepito lo stipendio dei quattro mesi del 2015.
Una situazione gravissima per le famiglie dei lavoratori forestali, per l’ambiente ed il territorio della Provincia di Treviso, sul quale gli interventi di manutenzione Riccardo Bernard, Fai Cislordinaria e straordinaria trovano difficoltà nella programmazione, a causa di burocratiche procedure dettate dalla Regione Veneto. I lavoratori e le loro organizzazioni sindacali, Flai-Cgil, Fai-Cisl e Uila-Uil si vedono costretti ad una nuova azione di protesta. Un nuovo presidio sarà attuato domani, mercoledì 6 maggio, dalle 10 in poi davanti alla sede del Consiglio Regionale, a Palazzo Ferro Fini, dove l'assemblea veneta sarà riunita per l’ultima seduta prima delle elezioni.
“Già al tavolo dello scorso 28 aprile è stato affrontato il problema riferito alla grave criticità che stanno affrontano gli operai forestali a tempo indeterminato i quali sono da quattro mesi senza stipendio ed è stato ripetutamente sottolineato la difficoltà estrema di taluni nuclei familiari monoreddito che devono vivere con le risorse economiche acquisite solo grazie al lavoro di operaio forestale - insiste Riccardo Bernard, segretario Generale FAI Cisl Bellluno Treviso - Si è cercato di sensibilizzare al massimo gli interlocutori del disagio che tali ritardi comportano a questi nostri lavoratori. Con un ulteriore incontro in tesoreria della Regione Veneto sono emersi elementi che hanno messo in rilievo la superficialità delle informazioni che il Sindacato ha ricevuto dalla Regione Veneto, soprattutto sui tempi per l’erogazione delle risorse agli uffici periferici e, conseguente a tali disponibilità, l’accredito degli stipendi arretrati sarebbe avvenuto con uno slittamento, per motivazioni tecniche procedurali, di almeno altri 20 giorni.”