Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Luogo di incontro tra civiltą araba e normanna, oggi simbolo di lotta alla mafia

PREMIO CARLO SCARPA DEDICATO AL SITO PALERMITANO DI MAREDOLCE-LA FAVARA

Le iniziative organizzate dalla Fondazione Benetton Studi Ricerche



TREVISO
- (ag) Preziosa testimonianza di un passato lontano, crocevia di culture e civiltà, e simbolo di un presente che ancora sta facendo i conti con le ferite sociali e urbane degli ultimi decenni. E' il sito di Maredolce-La Favara di Palermo, oggi una vasta depressione del terreno, che è stata in passato un grande bacino, con al centro un’isola di forma irregolare ancora ben riconoscibile e un magnifico palazzo.

A questo luogo è stato dedicato il Premio Internazionale Carlo Scarpa per il Giardino, promosso e organizzato dalla Fondazione Benetton Studi Ricerche, che tra venerdì 8 e sabato 9 maggio, ospiterà una serie di iniziative pubbliche di approfondimento.

 

Punto di incontro tra la cultura araba e normanna, rintracciabile nell’architettura, negli stili di vita e nel paesaggio, oggi il sito di Maredolce-La Favara rientra nel quartiere Brancaccio, periferia sud di Palermo, tristemente passato agli onori della cronaca per il delitto mafioso nel '93 di Padre Puglisi.

Proprio a partire dagli anni '90, con l'esproprio della proprietà e l'acquisizione a patrimonio della Regione Sicilia, si mettono le basi per le prime azioni di recupero in un progetto di restituzione alla cittadinanza. 

Evocativo il toponimo Maredolce, risalente aI XIV secolo, a celebrare la straordinarietà di un “lago”, talmente grande da misurarsi con il vicino mare. Ancora più antico, siamo nel X secolo, il nome La Favara, dall'arabo “sorgente di acque che sorgono abbondanti”. 

Il percorso della mostra, sintesi della pubblicazione realizzata dal Premio Carlo Scarpa, parte quindi dalla presentazione del contesto storico-geografico per affrontare poi il tema più specifico del paesaggio nella piana palermitana, che nella storia prende il nome di Conca d’Oro e matura caratteri ai quali sono strettamente connessi quelli propri del compendio di Maredolce-La Favara.



Sono qui trattati i temi dell’acqua – in particolare quello delle sorgenti che danno vita a questi paesaggi –, dell’agricoltura e del giardino nei suoi legami con la cultura araba e normanna. Dalle strutture idrauliche, all’origine della presenza del bacino, agli agrumeti, dai recenti scavi archeologici, alle campagne di restauro del palazzo e dei giardini, si va ad analizzare il tema del paesaggio contemporaneo e delle sue trasformazioni, visto attraverso le relazioni tra Maredolce e Brancaccio. 
La sezione conclusiva prevede uno spazio dedicato alla visione del film documentario 
Maredolce-La Favara, scritto e diretto da Davide Gambino per la Fondazione Benetton Studi Ricerche in occasione della xxvi edizione del Premio.

Oltre alla mostra vi saranno altre iniziative di approfondimento agli Spazi Bomben di Treviso. 

Sono intervenuti, in ordine, Marco Tamaro, direttore della Fondazione Benetton Studi Ricerche, Lina Bellanca, responsabile del settore beni architettonici della Soprintendenza per i Beni Culturali e Ambientali di Palermo e Patrizia Boschiero, coordinatrice delle attività del Premio Carlo Scarpa

 

 

IL PROGRAMMA DELLE INIZIATIVE

 

venerdì 8 maggio, ore 18, Treviso, spazi Bomben

 

Incontro pubblico e inaugurazione della mostra documentaria

 

L’incontro è dedicato alla poesia arabo-sicula, con Wasim Dahmash (Università di Cagliari).

 

La mostra descrive il contesto storico-geografico del luogo e i temi legati alla civiltà del paesaggio della Conca d’Oro di Palermo; documenta il rapporto tra il luogo, il quartiere Brancaccio e la città rispetto ai caratteri urbani, paesaggistici e al contesto sociale contemporaneo; racconta Maredolce-La Favara attraverso documenti e immagini utili alla sua comprensione e include un documentario prodotto dalla Fondazione.

 

La mostra è aperta nella sede della Fondazione, negli spazi espositivi di palazzo Bomben, fino a domenica 5 luglio 2015.


 

sabato 9 maggio, ore 9.30-13.30, Treviso, spazi Bomben

 

Seminario pubblico sul luogo designato

 

Il seminario è un’occasione per conoscere più da vicino, con un gruppo di esperti provenienti da diversi ambiti disciplinari (paesaggistico, botanico, storico, letterario, agronomico, geologico, urbanistico, architettonico, archeologico, sociale e umanistico...), il luogo e la sua storia, le sue peculiarità naturali e culturali, il contesto sociale e le sue prospettive.

 

Apertura e coordinamento a cura di Patrizia Boschiero e Luigi Latini

 

Francesca Corrao (Università di Roma luiss), I normanni e la cultura araba in Sicilia
José Tito Rojo (Università di Granada), Il lago della Favara e il suo contesto: acqua e architetture nell’Occidente musulmano

 

Giuseppe Barbera (Università di Palermo), Maredolce-La Favara, i siti arabo-normanni e il paesaggio della Conca d’Oro

 

Lina Bellanca (Soprintendenza per i Beni Culturali e Ambientali di Palermo), Il recupero della Favara nella storia recente e nei progetti

 

Pietro Todaro (geologo, Palermo), Geomorfologia, idrologia e idraulica dell’antica Favara di Maredolce

 

Stefano Vassallo (Soprintendenza per i Beni Culturali e Ambientali di Palermo), Archeologia nel “castello” di Maredolce-La Favara

 

Ferdinando Trapani (Università di Palermo), Palermo, quartiere Brancaccio. Sviluppo urbanistico e problematiche attuali

 

Ferdinando Siringo (Liceo Danilo Dolci di Palermo), La Favara e la vita del quartiere. Educazione, partecipazione, bene comune

 

Partecipano inoltre Maria Elena Volpes (Soprintendente per i Beni Culturali e Ambientali di Palermo), altri testimoni provenienti da Palermo e il Comitato scientifico della Fondazione. La discussione è aperta al pubblico.

 

 

 

sabato 9 maggio, ore 17-19, Treviso, Teatro Comunale Mario Del Monaco

 

Cerimonia pubblica di consegna del Premio Carlo Scarpa 2015

 

Introduce e coordina Luigi Latini (presidente del Comitato scientifico).

 

La cerimonia prevede la proiezione del documentario di Davide Gambino Maredolce-La Favara. Premio Internazionale Carlo Scarpa per il Giardino 2015, realizzato dalla Fondazione Benetton Studi Ricerche, la lettura della Motivazione del Premio e la consegna del sigillo del riconoscimento, disegnato da Carlo Scarpa, a Lina Bellanca in rappresentanza del gruppo di lavoro della Soprintendenza per i Beni Culturali e Ambientali di Palermo, ente responsabile del luogo; seguono i saluti della Soprintendente Maria Elena Volpes. Sono stati invitati a partecipare Ilaria Borletti Buitoni, Sottosegretario di Stato del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, e Giovanni Manildo, Sindaco di Treviso. È prevista la distribuzione al pubblico del dossier dedicato a Maredolce-La Favara, a cura di Giuseppe Barbera, Patrizia Boschiero, Luigi Latini, edito dalla Fondazione.

 

La cerimonia si conclude con il Gran duello di Orlando e Ferraù nel Bosco della Foglia, un cunto di Mimmo Cuticchio. Seguirà un brindisi.

 

 

 

La campagna di attenzioni del xxvi Premio Carlo Scarpa proseguirà con altre iniziative pubbliche nel corso dell’anno, in altre sedi europee (Parigi, Institut du Monde Arabe, venerdì 18 settembre; Granada, Alhambra, Palazzo di Carlo V, venerdì 9 ottobre) per concludersi a Palermo (Steri, Università di Palermo, venerdì 6 novembre) e con incontri specifici dedicati alle scuole.