Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

AUDIO Progetto di recupero di Comune e Associazione Treviso Sotterranea

LE MURA COME NON LE AVETE MAI VISTE: DAL DI DENTRO

Il 30-31 maggio visite guidate alle stanze ipogee nella cinta


TREVISO - Sono uno degli elementi più visibili e caratteristici del paesaggio urbano di Treviso. Le Mura potrebbero presto svelare un loro lato poco noto alla maggior parte dei trevgiani: quello interno. Porte e bastioni della cinta muraria, infatti, conservano stanze, casematte, cunicoli, sia originarie del XVI secolo, sia in seguito, ad esempio come rifugi durante i conflitti mondiali. In occasioni dell'approssimarsi del cinquecentesimo anniversario della cortina difensiva della città, progettata da Fra' Giocondo e completata nel 1520, una parte di questi ambienti potrebbero essere aperti al pubblico in modo continuativo per la prima volta. Al progetto, battezzato "Sotto sopra" stanno lavorando l'Associazione Treviso Sotterranea e il Comune. Un primo assaggio si potrà avere sabato 30 e domenica 31 maggio: nel tratto di Mura nei pressi delle scuole medie Stefanini si potrà visitare un rifugio antiareo della prima guerra mondiale, entrare nella camera ipogea al di sotto di Porta San Tomaso (oltre che la porta stessa), percorrere la golena di varco Manzoni e la Penisola del Paradiso, ammirando da vicina il lato esterno della cinta, compreso un secondo rifugio. Il tutto con l'accompagnamento di esperti dell'associazione e con tutti i criteri di sicurezza. Per partecipare è necessario prenotarsi nello stand di Treviso Sotterranea alla Fiera Quattro Passi.

Nelle intenzioni, questo dovrebbe essere il primo grado di un percorso che comprenda, in futuro, anche il Bastione di Santa Sofia, il Ponte de Pria con le chiuse cinquecentesche, le lunette e le golene fino a porta Santi Quaranta e poi fino al Bastione del Castello, di fronte alla stazione ferroviaria, come spiega Roberto Stocco, presidente dell'associazione. Il prologo andrà in scena sabato prossimo con la ripulitura delle sei stanze sotterranee del Bastione di Santa Sofia, a ridosso delle scuole Prati, uno dei meglio conservati della cinta. I locali, negli anni, sono divenuti dimora di persone in difficoltà e ricettacolo di ogni sorta di materiale: i volontari faranno pulizia, aiutati dagli aderenti di Recomensamos, progetto rieducativo rivolto a persone sottoposte a provvedimenti penali. Contarina fornirà le attrezzatura e sosterrà gratuitamente lo smaltimento dei rifiuti. "Cominciamo a recuperare e a valorizzare le Mura, aprendole alla fruizione - conferma l'assessore alla Cultura, Luciano Franchin -. Può essere un modo per attirare turisti (in questo senso ci sono già richieste, ad esempio da parte dei Lions club tedeschi, ndr), ma anche un'occasione per i trevigiani per conoscere questo monumento da un'angolatura diversa". "E - aggiunge Stocco - può creare anche opportunità di lavoro per alcuni giovani".

AUDIO L'intervista a una dei soci fondatori dell'Associazione Treviso Sotterranea, Sara Paris intervenuta in diretta a Buongiorno Veneto Uno.