Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 È DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Giudizio immediato per Manuel Palazzo e Lucia Lo Gatto

DELITTO GUALTIERI: PROCESSO LAMPO PER GLI "AMANTI"

La vittima venne ritrovata dietro la gipsoteca del Canova



POSSAGNO - Processo lampo per l'omicidio di Possagno. Il pm Serena Chimichi ha infatti firmato il decreto di giudizio immediato per il 27enne Manuel Palazzo, difeso dall'avvocato Fabio Crea, e la 41enne Lucia Lo Gatto, difesa dall'avvocato Tiziana Ceschin, accusati di omicidio volontario e occultamento di cadavere per la morte di Aldo Gualtieri, 39enne di Romano d'Ezzelino. L'uomo, prima stordito e poi colpito con un violento colpo alla testa, era stato ritrovato cadavere il 23 aprile scorso a Possagno lungo una mulattiera alle spalle della gipsoteca del Canova. Il corpo, carbonizzato e con il cranio fracassato, era stato scoperto in avanzato stato di decomposizione sotto un cumulo di pietre da due boscaioli. Le indagini degli inquirenti, nel giro di appena 24 ore, avevano portato al fermo dell'ex convivente della vittima e del vicino di casa, suo attuale compagno. Un'indagine lampo partita da Treviso e poi trasferita a Vicenza per competenza territoriale, in quanto l'omicidio si sarebbe consumato il 18 aprile nell'appartamento del condominio Cristallo di Fellette dove viveva la vittima. Il decreto di giudizio immediato ha però spiazzato le difese, che a conti fatti dovranno decidere se affrontare il dibattimento o chiedere un rito alternativo (per un processo che prevede l'ergastolo in caso di condanna) in appena due settimane. “ Siamo un po' sorpresi del fatto che la Procura di Vicenza abbia deciso di procedere con una richiesta di rito immediato – ha dichiarato l'avvocato Fabio Crea, legale di Manuel Palazzo – costringendo le difese, nel breve termine di 15 giorni, a estrarre copia di tutto il fascicolo, studiarlo attentamente e ponderare la decisione di un eventuale rito alternativo allorquando i tempi processuali avrebbero comodamente consentito di procedere per le vie ordinarie attraverso la chiusura indagini e l'udienza preliminare”.