Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Indagine Ispra: in regione la quota di terreni edificati è triplicata dal 1956

TREVISO SECONDA PROVINCIA PIÙ CEMENTIFICATA IN VENETO

Consumato quasi il 13% di suolo disponibile, peggio solo a Padova


TREVISO - L'Ispra, l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca dell'ambiente ha pubblicato la prima indagine sul consumo di suolo in Italia. Lo studio mostra come, negli ultimi cinque anni, cemento e asfalto hanno coperto ogni giorno 55 ettari di terreno vergine e la percentuale di suolo consumato, a livello nazionale. è passata dal 2,7% del 1956 al 6,9% del 2013. La situazione è particolarmente preoccupante per il Veneto che con il 9,9% di territorio utilizzato nel 2013 è secondo solo alla Lombardia in questa poco entusiasmante classifica: su scala regionale, la quota di terreni edificati è addirittura triplicata dalla metà del secolo scorso. Nel 1956 era infatti del 3,9%. Le cose non vanno meglio per la provincia di Treviso: qui il terreno di terreno cementificato sfiora il 13%, valore inferiore solo a quello registrato a Padova. La città di Treviso, a sua volta, con il 32,8% di suolo consumato (1.825 ettari contro i 3.733 non utilizzati) è seconda solo a Padova e supera di molto Verona (23,3%) e Vicenza (27,3%).
“Questi dati confermano quelli del censimento Istat 2011 che già indicava come Treviso fosse stata oggetto nel precedente decennio di una cementificazione senza precedenti nella sua storia – sottolinea Luigi Calesso, della lista Impegno civile -. In città dal 2001 (precedente censimento) al 2011 la popolazione è passata da 80.144 unità a 81.437 con aumento di 1.293 residenti pari all’1,59%. Il numero delle abitazioni, invece è incrementato di 3.757 (pari al 10,48%), passando da 35.866 alloggi a 39.623. La sproporzione tra il modestissimo aumento della popolazione e quello delle abitazioni è evidente”.