Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/240: A DONNAFUGATA IL CAMPIONATO INDIVIDUALE AIGG 2018

I giornalisti golfisti si sfidano in Sicilia


DONNAFUGATA - Il maltempo aveva imperversato fino il giorno prima, e continuava a devastare parte della Sicilia. Non eravamo in molti giornalisti praticanti di golf provenienti da mezza Italia, a prendere il coraggio e andar a sostenere il Campionato già da tempo programmato. Donnafugata, il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/239: DAGLI USA LA NUOVA PROMESSA AZZURRA

Virginia Elena Carta vince il Landfall Traditional


La giovane italiana Virginia Elena Carta trionfa nel Landfall Traditional, prestigioso torneo del campionato universitario americano.  È il 30° successo azzurro in campo internazionale: nuovo record in una stagione. Conosco Virginia, son passati molti anni da quando ebbi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/238: IL CAMPIONATO ITALIANO DI DOPPIO DELL'AIGG

Al club Chervò il torneo intitolato a Paolo Dal Fior


SIRMIONE - Concluso il Challenge AIGG che ci ha portato a giocare sui più bei Campi d’Italia, e insabbiata la Coppa delle Nazioni dall’esito meno brillante per la squadra dell’Italia (sesto posto), vinta dalla Germania a Villa Carolina, era ora la volta del Campionato...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Rinnovato il protocollo d'intesa con l'Ente Nazionale Sordi: ora disponibile l'app

SOS SORDI: FILO DIRETTO CON LA QUESTURA PER CHIEDERE AIUTO

Con un sms si può richiedere l'intervento delle forze dell'ordine


TREVISO – (gp) Non solo rinnovata, ma è stata anche potenziata la convenzione tra la Questura di Treviso e l'Ente Nazionale Sordi. Il protocollo d'intesa, voluto dal Ministero dell'Interno, continuerà per tutto il 2015 e permetterà, come ha già fatto in decine e decine di casi, di permettere alla Polizia di intervenire in situazioni di pericolo che vedono i sordi come sfortunati protagonisti. E viceversa, permetterà anche ai sordi di segnalarle in tempo reale.

Oltre al numero d'emergenza già in funzione da cinque anni, ora è stata perfezionata anche un'applicazione per smartphone che renderà il servizio ancora più efficiente e usufruibile. Il sistema è semplice: la persona sorda che si trova in difficoltà manda un sms al numero dedicato con un codice numerico (ce ne sono trenta per ogni caso di richiesta di aiuto) che arriva direttamente in un computer della centrale operativa in questura. In base alla gravità della situazione, la polizia può così intervenire subito o dialogare con il malcapitato per tranquillizzarlo o fornirgli indicazioni e consigli utili.

L'applicazione per smartphone ricalca il servizio sms, ma l'interfaccia più immediata permette agli utenti di inviare tramite una vignetta la richiesta d'aiuto più appropriata: si va dai ladri in casa all'aggressione, dalla violenza sulle donne alla fuga di gas, passando per la persona chiusa in ascensore, l'auto in panne o la mamma partoriente. Un servizio che il vicecommissario della sezione trevigiana dell'Ens ha definito prezioso, ringraziando la questura per averlo messo a punto.