Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novitą di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sotto accusa per circonvenzione d'incapace una ragazza marocchina

"SPOSIAMOCI": LA PROPOSTA NON FU UN RAGGIRO, 23ENNE ASSOLTA

Vittima un 43enne di Pederobba: la Procura impugnerą la sentenza



PEDEROBBA
– (gp) La vittima era “raggirabile” ma non è stata “raggirata”. Il giudice Marco Biagetti ha infatti assolto con formula piena una 23enne marocchina, difesa dall'avvocato Marco Bonazzi, finita a processo per rispondere del reato di circonvenzione d'incapace.

La ragazza, secondo la Procura di Treviso che ha già annunciato che impugnerà la sentenza di primo grado, la giovane avrebbe promesso a un 43enne di Pederobba di sposarlo e lui, convinto che fosse la donna giusta per fare il grande passo, si sarebbe licenziato da lavoro e con i soldi della liquidazione (circa 8 mila euro) avrebbe fatto una lunga serie di acquisti per le nozze. Ma a un mese e mezzo dal fatidico giorno (il 2 dicembre 2012), lei si sarebbe tirata indietro.

Lo psicologo Franceschini, incaricato di verificare le condizioni della presunta vittima, in aula aveva dichiarato che l'uomo avrebbe dei limiti cognitivi, soffrirebbe di un ritardo mentale lieve e di un disturbo della personalità di livello medio, con dei tratti schizoidi e paranoidi che determinerebbero uno stato di deficienza psicologica. E avendo una particolare sensibilità riguardo al matrimonio (il suo desiderio sarebbe quello di mettere su famiglia), sarebbe stato di conseguenza “raggirabile”. Ma il dibattimento ha stabilito che non c'è stato alcun raggiro.

I fatti risalgono al 23 ottobre 2012, giorno in cui l'uomo fece scattare la denuncia per circonvenzione d'incapace nei confronti dell'ex fiamma. La ragazza respinge tutte le accuse, sostenendo (come ha ribaito in aula) di aver deciso di troncare il rapporto dopo che la presunta parte offesa le avrebbe detto: “Quando saremo sposati voglio fare sesso con tua madre e il tuo cane”. Una frase pronunciata con ogni probabilità per scherzo (sostiene l'accusa), ma che avrebbe allarmato la donna a tal punto da decidere di mettere fine a quel rapporto sentimentale. Secondo la parte offesa invece sarebbe stato tutto un piano studiato a tavolino per svuotargli il conto in banca.